Quando Hannah è stata sequestrata in macchina sotto la minaccia di un coltello da una banda malvagia, non aveva idea che sarebbe stata tenuta prigioniera per 11 ore. La 21enne si trovava in un luogo appartato in Sud Africa quando lei e la sua amica sono state prese in ostaggio da una banda che le ha circondato la macchina come un branco di lupi. Un gruppo di malvagi rapinatori d’auto ha pugnalato a morte Hannah e le ha fatto cadere un sasso in testa mentre si trovava su un remoto sentiero di una fattoria. Gli amici sono stati presi per ore dai rapinatori, prima di essere picchiati e scaricati. Hannah è stata ripetutamente stuprata di gruppo e pugnalata al collo, prima che una pietra le cadesse in testa. Cinque anni fa, un nuovo documentario intitolato Last Blue Ride su Showmax ha fatto luce sugli eventi accaduti prima della tragica morte di Hannah e su come la sua famiglia ha lottato per venire a patti con la sua morte. Anna è annegata solo un anno dopo la morte della studentessa mentre faceva la sua nuotata quotidiana, il suo corpo malconcio è stato avvistato in acque poco profonde a Città del Capo. Il padre di Hannah ha detto che l’impatto della morte di sua figlia sulla famiglia è stato “oltre devastante” e che sua moglie “è entrata nell’oceano e non è tornata”. La morte di sua moglie è stata giudicata un incidente mortale, ma ha detto che non credeva che intendesse uccidersi. Hannah e la sua amica sono state sequestrate in macchina dopo una serata fuori. Il terrificante momento in cui un gruppo di quattro uomini si è avvicinato al veicolo è stato ripreso dalla telecamera. Mentre erano seduti in macchina, sono stati attaccati con un cacciavite e un coltello a scatto. Hannah è stata spinta tra i due sedili anteriori mentre l’auto veniva allontanata, poiché è stata costretta a sedersi sul sedile posteriore e nel bagagliaio. Hannah era in macchina mentre la banda si è fermata a una stazione di servizio per prelevare denaro da un conto bancario, ma Witbooi non è riuscito a farlo quando gli è stata data la spilla sbagliata. La malvagia banda di rapinatori d’auto è stata ripresa dalla telecamera mentre tentava di rubare l’auto di Hannah in Sud Africa. La banda li ha portati entrambi in un’area remota dove Cheslin è stato picchiato con mattoni e lasciato per morto mentre Hannah guardava con orrore. Ha detto ai poliziotti che aveva chiuso gli occhi e pregato prima di essere messo fuori combattimento nell’attacco. Ha detto: “Dopo che mi hanno portato tra i cespugli, mi hanno detto di appoggiare la testa su un pezzo di mattone, ed è allora che ho capito che mi avrebbero portato via la vita”. Dopo aver ripreso conoscenza, è rimasto traumatizzato dall’attacco e dalla sordità a un orecchio, ma non sapeva che Hannah fosse morta. Hannah è stata costretta a risalire in macchina e portata su una strada di campagna nei suoi ultimi momenti. Il padre di Hannah è stato pugnalato al collo e una grossa pietra le è caduta in testa prima di essere violentata e uccisa. Il gruppo ha ammesso di essere stato il primo a violentare e uccidere. Ha detto al processo che non voleva uscire dallo stivale. Al momento della morte di Hannah, la sua amica di famiglia ha detto che credeva che Hannah avrebbe cercato di sopravvivere entrando in empatia con i suoi aggressori. Dopo che l’auto di Hannah è stata avvistata da poliziotti sotto copertura, il gruppo è stato arrestato dopo un inseguimento ad alta velocità della polizia. I suoi assassini spietati sono stati condannati a 358 anni dietro le sbarre e tre dei quattro membri della banda sono stati condannati all’ergastolo dopo un processo presso l’alta corte di Città del Capo nel 2018). È stata descritta come una “figlia di papà” da suo padre, che ha ammesso durante il processo che gli ci è voluto del tempo per partecipare all’udienza in tribunale perché non voleva sentire cosa le fosse successo. La madre di Hannah, Anna, è annegata mentre aspettava l’inizio del processo per omicidio ed è stata dichiarata un incidente mortale.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.