Dopo che sono emerse le prove sull’uso di bombe a grappolo nel conflitto ucraino da parte dell’esercito russo, il governo di Kiev e alcuni sindaci hanno denunciato anche l’uso di bombe al fosforo bianco nella regione di Luhansk, a Irpin, Hostomel e Kramatorsk. Ci sono accuse di violazione della Convenzione delle Nazioni Unite su alcune armi convenzionali, in particolare quelle incendiarie, che sono state ratificate anche dalla Russia. Alcuni precedenti nella storia recente includono l’uso di queste armi sui civili da parte delle truppe americane in Iraq o dell’esercito israeliano nella guerra e nell’operazione del Libano del 2006. L’uso di armi al fosforo è regolato dalla Convenzione delle Nazioni Unite sulle armi convenzionali in particolare dal capitolo 3. I dispositivi al fosforo non sono classificati come armi chimiche perché devono la loro forza distruttiva a una reazione chimica. È vietato attaccare un bersaglio militare situato all’interno di una concentrazione di civili con armi non lanciate da un aeromobile, salvo il caso in cui tale obiettivo sia nettamente separato dalla concentrazione di civili e siano state prese tutte le precauzioni possibili per limitarne gli effetti sulla l’obiettivo. In sintesi, quindi, le bombe al fosforo possono essere utilizzate solo a scopo di illuminazione, per spaventare o nascondere le proprie truppe, come cortina fumogena per coprire la ritirata o impedire l’avanzata del nemico, ed infine contro obiettivi militari ma solo in assenza di edifici civili o civili , prevenendo così efficacemente il loro utilizzo nelle aree urbane. Il presidente Volodymyr Zelensky ha portato al tavolo della NATO le testimonianze dei sindaci e dei governatori di diverse aree del Paese per condannare l’uso di bombe al fosforo sulle città ucraine. Il capo della polizia di Kiev ha voluto provare l’uso delle bombe contro la città di Kramatorsk. Le sue parole sono state seguite dal capo della regione di Luhansk, Serhiy Gaidai, che in un messaggio su Facebook ha denunciato i russi per aver attaccato la regione. L’uso indiscriminato di queste armi contro la popolazione irachena è stato dimostrato dalle immagini delle grandi ‘cascate’ di luce, tipiche delle bombe al fosforo bianco, che sono atterrate sulle città. L’articolo Guerra Russia-Ucraina, Kiev condanna l’uso di armi al fosforo sui civili, quali effetti hanno e cosa dicono i trattati internazionali viene da Il Fatto Quotidiano.