Nell’anno 2015, Musk ha promesso il lancio di un’auto per 35.000 dollari. La Model 3 ha raggiunto la cifra promessa solo per poco tempo grazie agli incentivi per la mobilità elettrica. Grazie alle tasse si è raggiunto un prezzo base di 39.500 euro, sempre grazie ai cospicui incentivi del 2020, ma il prezzo di listino è sempre stato di 49.500 euro, anche perché il corto raggio non è mai arrivato. A causa del crescente interesse per i veicoli a batteria a causa dell’impennata dei prezzi del gas e del fatto che il prezzo base della Model 3 è ora di 51.990 euro, il prezzo base dell’auto elettrica è più lontano che mai. La versione base dell’auto più economica proposta dall’azienda, quella a trazione posteriore, ha visto un aumento di 2.000 euro. I rialzi hanno interessato l’intera fascia e sono stati applicati solo ai nuovi ordini, ma sono indicativi di un trend che si sta delineando negli ultimi mesi e che senza l’intervento del governo renderà difficile la transizione elettrica. La carenza di componenti è un problema consolidato e si vede dalla data di consegna. Il primo articolo su Smartworld non vende veicoli sotto i 50.000 euro.