L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, due membri influenti dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, hanno respinto le richieste di espellere la Russia da un’alleanza più ampia per la produzione di petrolio, affermando che il gruppo aveva una lunga storia di collaborazione durante i conflitti armati. Mentre i prezzi del petrolio sono saliti oltre i 100 dollari al barile, una partnership tra Arabia Saudita e Russia si è rifiutata di pompare più petrolio. Gli Stati Uniti e i loro partner vogliono cambiare le relazioni con la Russia. Suhail bin Mohammed al-Mazrouei ha detto che non l’avrebbero fatto. Il signor Mazrouei ha affermato di non essere stato contattato dagli Stati Uniti, ma di aver sentito che l’alleanza con la Russia era stata condannata negli Stati Uniti. La decisione di restare con la Russia è stata inquadrata dal ministro dell’Energia saudita come un modo per guardare oltre i disaccordi tra i membri. I sauditi e gli Emirati hanno votato contro la Russia all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Tutti lasciano la politica fuori dalla porta quando si tratta dell’organizzazione, ha detto il principe Abdulaziz alla conferenza. Gli investitori petroliferi non vedono l’aumento della produzione del gruppo come sufficiente per domare l’aumento dei prezzi. I prezzi del petrolio aumenterebbero se la Russia venisse espulsa dall’alleanza. Durante i suoi 62 anni di storia, l’organizzazione non ha espulso membri anche quando erano coinvolti in aspri conflitti tra loro. Gli Stati Uniti e i sauditi hanno accusato l’Iran di essere dietro i recenti attacchi agli impianti petroliferi sauditi. Il prezzo del petrolio ha superato i 100 dollari al barile per la prima volta in tre anni a causa dell’attacco russo all’Ucraina.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.