Una delle prime cose da fare è stata prendere posizione contro l’occupazione ucraina delle truppe di Putin. Si è assicurato che il GP di Russia non si sarebbe disputato. Liberty Media, la società proprietaria del circo, ha deciso di cancellarlo dal calendario dei mondiali del 2022, anche se avrebbe dovuto svolgersi a settembre. Anche il contratto con il promotore del Gran Premio di Russia è stato risolto. Il vicepresidente della regione dell’Andalusia, Juan Marin, ha detto di essere andato a Londra un anno e mezzo fa per negoziare un GP. La nostra regione potrebbe essere la prima scelta per la sostituzione in caso di cancellazione. La questione potrebbe non essere ancora finita. Il comitato organizzatore del Gran Premio di Russia minaccia di avviare una battaglia legale per ottenere un risarcimento finanziario per la quota di ammissione di Sochi, che era tra le più alte del calendario. L’intenzione è quella di riavere indietro i nostri soldi poiché la somma è già stata parzialmente sborsata, ha affermato il capo della commissione. Non appena è arrivata la notizia dell’attacco russo dall’Ucraina, molti piloti, guidati da Sebastian Vettel, hanno chiarito che non sarebbero andati a correre il Gran Premio. Ci si aspettava che i piloti russi e bielorussi potessero correre solo senza che le loro bandiere fossero esposte. Lo sponsor principale della squadra americana è un’azienda chimica di proprietà del padre di Nikita Mazepin, quindi hanno deciso di licenziare il pilota russo. “Sebbene comprenda le difficoltà – ha detto Mazepin dopo il suo licenziamento – le misure della FIA unite alla mia costante disponibilità ad accettare qualsiasi misura proposta per andare avanti in F1, sono state completamente ignorate”. Questa guerra colpisce le persone di entrambe le parti con cui ho legami ed è uno dei momenti più dolorosi della mia vita. Posso solo dire che la decisione di smettere è stata ingiusta e unilaterale. Verrà costituita una fondazione con lo slogan “We Compete As One” per sostenere gli atleti discriminati per motivi politici o solo per il passaporto. Il padre dell’Uralkali ha annunciato di aver chiesto il rimborso della sponsorizzazione già pagata e di essere pronto a difendersi. Nel bel mezzo dell’invasione russa dell’Ucraina, inizia l’articolo di Formula 1, con risvolti da Il Fatto Quotidiano.