Alla fine di aprile del 2020 un alto rappresentante politico dell’amministrazione Trump ha chiesto ai funzionari del Dipartimento per la sicurezza interna di esaminare un argomento insolito per un’agenzia di sicurezza nazionale: possibile frode elettorale nelle imminenti elezioni. Donald Trump ha fomentato le affermazioni secondo cui l’espansione del voto per corrispondenza avrebbe corrotto le elezioni del 2020, il che in seguito ha alimentato le sue affermazioni secondo cui le elezioni sono state rubate. L’emissione di una direttiva riguardante la frode elettorale all’Ufficio di intelligence e analisi del DHS, che non è stata segnalata in precedenza, getta una nuova luce sulla portata degli sforzi di Trump Worlds per utilizzare le risorse del governo per indagare su affermazioni spurie sulle elezioni statunitensi. Nell’aprile del 2020, Ken Cuccinelli, l’ex procuratore generale della Virginia con stretti legami con Trump, ha chiesto a un alto funzionario del DHS di chiedere agli analisti di I&A di esaminare il potenziale di frode elettorale legata alla posta. POLITICO ha rivisto le linee guida inviate alla Divisione Field Operations dal quartier generale. I tentativi di hack di prendere di mira le campagne, gli sforzi per intimidire gli elettori e l’ingresso illegale nei seggi elettorali sono alcuni degli argomenti su cui la guida ha detto ai dipendenti di esaminare. Poi è arrivato un elenco di ulteriori argomenti: “tentativi di alterare, distruggere, vendere o nascondere schede elettorali per corrispondenza”, tra le altre questioni relative alla posta. Il fatto che i professionisti dell’intelligence venissero indirizzati a verificare se le persone stessero vendendo, nascondendo, modificando o distruggendo schede elettorali per corrispondenza ha colpito gli osservatori elettorali e dell’intelligence perché non era stato al centro di lamentele credibili diffuse nelle elezioni precedenti. Ben Wittes, un ricercatore senior in Governance Studies presso The Brookings Institution che tiene traccia delle questioni relative alle agenzie di intelligence statunitensi, ha affermato che l’attività sottostante è una fantasia. Non ci sono prove che si sia verificata la cospirazione “vendi, distruggi o nascondi schede elettorali per corrispondenza”, secondo un ex funzionario elettorale del Colorado che lavora con i gruppi di accesso al voto. Nel dibattito, Trump ha affermato che le schede elettorali per corrispondenza vengono scaricate nei fiumi. C’erano preoccupazioni sulle indicazioni per controllare le frodi elettorali nella divisione operazioni sul campo di I&A. Le persone hanno messo in dubbio un compito relativo alla segnalazione di frodi elettorali, secondo una nota recensita da POLITICO. Non è noto se le persone nella divisione operazioni sul campo abbiano esaminato la questione del furto o della vendita di schede elettorali per corrispondenza. Un funzionario del DHS che non era autorizzato a discutere la questione ha detto che se fosse stato nella sua posizione in quel momento, avrebbe visto l’incarico prima che ricevesse il via libera finale. Secondo la commissione del 6 gennaio, Maher si è allontanato da tutte le questioni investigative relative al DHS. Il Department of Homeland Security ha rinnovato il suo impegno a fornire informazioni di qualità ai suoi partner.