La Russia è il principale fornitore di gas per l’Italia, e cosa fare se fallisce?. Da quando Mosca ha iniziato ad ammassare truppe al confine, Palazzo Chigi ha cominciato a interrogarsi su come sostituire il gas proveniente dai giacimenti della Siberia, che in passato ha soddisfatto oltre il 40% del fabbisogno nazionale. Il fatto che ieri il ministro degli Esteri Luigi Di Maio sia arrivato in visita ufficiale a Baku è già una risposta: l’anno scorso sono stati inviati quasi 8 miliardi di metri cubi dall’Azerbaigian, attraverso una serie di tubi del gas che sono coperti dal Rubinetto. Per aumentare il più possibile la quota per il prossimo inverno, Di Maio ha chiesto al governo azerbaigiano di farlo, come aveva fatto nei giorni scorsi, con l’aiuto dell’ad di Eni. Tra i 5 ei 10 miliardi di metri cubi di metano potrebbero arrivare in inverno attraverso i gasdotti esistenti dal Nord Africa e dal Caucaso. Secondo il rapporto in mano a Palazzo Chigi, questo è uno dei suggerimenti per soddisfare la domanda di gas italiano fino a marzo del prossimo anno, per coprire fino a 20-25 miliardi di metri cubi “sperando che l’inverno non sia troppo rigido”. La quota delle importazioni potrebbe aumentare di altri 5 milioni se gli impianti potessero lavorare dal 20 al 25% in più di grezzo. In questo caso Di Maio ha visitato uno dei maggiori paesi produttori che spedisce il proprio gas a Rovigo. Non è popolare aumentare la produzione di energia delle sei centrali a carbone ancora in funzione. Gli operatori sono già stati contattati, ma il provvedimento sarà adottato solo in caso di carenza di gas. Nella relazione dei tecnici vengono suggerite misure di minore portata, oltre a garantire altri 5 miliardi di metri cubi. A meno che Putin non chiuda i rubinetti o non richieda rubli, lavoreremo per il prossimo inverno.