Joe Biden ha promesso di nominare la prima donna di colore alla Corte Suprema se fosse stato eletto presidente. L’annuncio che avrebbe preso in considerazione sia la razza che il sesso nella selezione di un candidato alla Corte Suprema era più esplicito rispetto alle precedenti promesse. Il presidente Biden ha promesso dalla Casa Bianca che avrebbe sostituito il giudice Stephen Breyer con qualcuno con qualifiche, carattere, esperienza e integrità straordinari. Ha lauree e incarichi legali di prim’ordine, un’ampia e profonda esperienza sia nel governo che in studi privati ​​e quasi un decennio di illustre servizio presso la panchina federale, compreso il suo attuale seggio nel D.C. Il presidente della Corte Suprema John Roberts e il giudice Clarence Thomas hanno entrambi prestato servizio nel circuito prima di essere elevati alla Corte Suprema. Il presidente Biden si è impegnato in un atto di costituzionalismo presidenziale incentrando la razza e il genere nel suo processo di selezione. I critici della promessa di Biden di considerare la razza e il sesso si stanno allineando con la maggioranza conservatrice della Corte Suprema, che ha suggerito che tutte le considerazioni sulla razza da parte del governo sono costituzionalmente sospette. Questo non è un impegno astratto; piuttosto, il prossimo mandato, i giudici potrebbero essere pronti a sancire tale punto di vista nella legge: in primo luogo, in un paio di casi che coinvolgono ammissioni consapevoli della razza nell’istruzione superiore, in cui la Corte potrebbe ribaltare la sua decisione del 2003 in Grutter v. Leggi di più: La storia dietro la prima donna di colore nominata giudice della Corte Suprema Per un breve momento, la maggioranza della Corte ha convenuto che alcuni usi “benigni” della razza – usi della razza progettati per promuovere la diversità e rimediare alla sottorappresentazione, per esempio – erano soggetti solo a ” controllo intermedio”, piuttosto che il controllo “rigoroso” richiesto quando il governo si impegna in una discriminazione odiosa. Molti commentatori conservatori e la maggioranza della Corte Suprema non vedono la distinzione tra odiosa discriminazione razziale e azioni consapevoli della razza che cercano di affrontare la discriminazione passata.