Un adulto americano su quattro non è vaccinato e quel numero non si sta muovendo molto. È facile credere che chiunque non abbia un’iniezione ormai è improbabile che ne abbia una in futuro, ma c’è un piccolo gruppo di persone che finalmente si stanno avvicinando al vaccino. I dati dell’indagine sui vaccini del CDC sono stati analizzati da Time. Il sondaggio mostra quanto le persone siano disposte a ottenere l’iniezione e come i tassi di vaccinazione siano cambiati nel tempo. C’è stato un ritmo più lento e costante di adozione del vaccino tra questi gruppi nell’ultimo anno. Secondo le organizzazioni sanitarie della comunità, alcuni gruppi demografici hanno richiesto maggiore sensibilizzazione, informazioni e supporto personali rispetto al lancio del vaccino federale iniziale. È probabile che le persone che si sentono ancora insicure alla fine faranno il grande passo se il tasso di vaccinazione del paese aumenta. Quelle persone vengono trovate dalle organizzazioni sanitarie di base. Il tempo ha parlato con le persone che si sono vaccinate a dicembre e marzo. Fisher si è tenuto alla larga dagli incontri intimi e ha lavorato all’aperto in una palude di mirtilli, quindi non si sentiva a rischio di contrarre il Covid-19. Dice che ha deciso di ottenerlo dopo aver parlato con altre persone che l’hanno ottenuto. Per il bene degli anziani della famiglia, sua moglie lo ha convinto a sparare. Più dell’85% delle persone che hanno molti amici e familiari vaccinati afferma di esserlo. Il tasso scende al 45% per le persone che hanno solo pochi familiari e amici. Gli americani di lingua spagnola sono i più aperti a ottenere un vaccino, secondo un’analisi dei dati di Time. Alianza Americas, un gruppo di difesa degli immigrati latini con sede a Chicago, afferma che l’esitazione sul vaccino è spesso legata allo stato di immigrazione. Olea dice che c’era la preoccupazione che anche quando hanno richiesto l’appuntamento, venissero richieste troppe informazioni. In passato, le organizzazioni di base hanno cercato di affrontare questi problemi con campagne di informazione e iniziative sui vaccini. Non si è affrettato a prendere il vaccino quando è diventato disponibile. In spagnolo, dice di non essere sicuro di aver bisogno del vaccino. Lavoro nove o 10 ore al giorno, quindi anche questo ha avuto un ruolo nel non farmi vaccinare. Rodriguez ha ricevuto il suo primo vaccino durante un drive gestito da Alianza Americas. Rodriguez dice che non è più preoccupato. La donna è della città di Ellicott City, Md. Quando i vaccini sono diventati disponibili per la prima volta, non pensavo ci fossero abbastanza informazioni. Dice che il modo in cui il governo lo stava spingendo l’ha resa nervosa. Non devi preoccuparti di prenderlo se vieni vaccinato. Le sue decisioni sono state modellate dalle sue esperienze come donna afroamericana. Quando ha scoperto che le comunità nere nella sua zona erano state maggiormente colpite dal virus, era diffidente nei confronti della guida in continua evoluzione del COVID-19. Anche se lavora da casa, è stata respinta dall’insistenza del suo datore di lavoro di ottenere un vaccino, anche se diffida delle politiche sanitarie del governo. Secondo Michael Rhein, presidente e CEO di InstitutePHI a Washington, DC, un’organizzazione di sensibilizzazione sanitaria che serve principalmente le comunità di colore, la sfiducia è stata un fattore chiave dell’esitazione sui vaccini nelle comunità nere. Secondo Rhein, questo gruppo di persone potrebbe cambiare idea quando ha il messaggero giusto e non si sente come se fosse il governo o le istituzioni controllate dai bianchi a dirgli di vaccinarsi. Dice che erano un po’ più a loro agio con esso e pensavano che la protezione aggiuntiva sarebbe stata utile se avessero ripreso il virus. Ha aiutato le persone a raggiungere un sito di vaccinazione se hanno deciso di volerlo fare. Non ha problemi con le persone che ottengono il vaccino. Non volevo entrare nel merito perché c’erano molte persone che giudicavano. È come evitare una conversazione politica o religiosa, non volevi entrare in un’accesa conversazione al riguardo. Le medie nazionali per il tasso di vaccinazione e la disponibilità tra i non vaccinati sono state seguite da vicino da coloro che sono più equamente divisi. Era obbligata a conoscere il processo di sviluppo del vaccino dopo aver accettato il lavoro, quindi ha bloccato le influenze partigiane e ha deciso di istruirsi. Greenhow ha ricevuto la sua prima dose a febbraio e la sua seconda dose all’inizio di questo mese e sta incoraggiando anche i suoi figli adolescenti a vaccinarsi. Spera che fornendo loro risorse e rispondendo alle loro domande, saranno rassicurati sul fatto che è sicuro. Fumo, diabete borderline e ipertensione sono alcuni dei problemi di salute di Jessica Howard. Howard era un operatore sanitario ed era molto stressato. Se hai un brutto problema di salute, le persone possono morire per questo. Anche se si prendeva cura delle persone con infezioni, Howard non si ammalava mese dopo mese. Ha detto che la malattia l’ha resa così malata che è stata come un’esperienza extracorporea. Quando era pronta per tornare al lavoro alla fine dell’anno, il suo datore di lavoro le aveva dato un mandato di vaccinazione. Più di un terzo degli americani afferma che il lavoro o la scuola richiedono la vaccinazione e quasi tutti dichiarano di essere stati vaccinati. Il tasso di vaccinazione per le persone che non devono affrontare un requisito è dell’80%. È stata incoraggiata a farlo da sua madre, che soffre di molti problemi di salute. Volevo tornare al lavoro, ma non volevo. Il primo e il secondo colpo furono dati a Howard a dicembre e gennaio. Ha incoraggiato altri a vaccinarsi, ma la questione ha diviso la famiglia, alcuni dei quali credono che ottenere il vaccino sia contrario alle loro convinzioni religiose. Howard dice che non gli parleranno più perché ha sparato lui.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.