Nel marzo 1992, il film più importante è stato “Basic Instinct”, un thriller erotico con protagonista una star del cinema affermata e una sexy emergente. L’arrivo di “Deep Water”, un thriller erotico con una star del cinema affermata in esplicite collaborazioni sullo schermo con sexy promettenti, è questo mese. La storia di un poliziotto sulle tracce di un serial killer è stata venduta da Joe Eszterhas a Carolco per $ 3 milioni, ma ha abbandonato il progetto. Secondo il Los Angeles Times, lo scrittore ha affermato che l’intenzione di Verhoeven è quella di realizzare “Basic Instinct” come un thriller sessualmente esplicito, come se quella non fosse l’intenzione di Eszterhas con una sceneggiatura che conteneva “mezza dozzina di scene d’amore ampie e dettagliate”. Poco prima dell’inizio della produzione a San Francisco nell’aprile 1991, Eszterhas e Verhoeven sono stati in grado di concordare la stessa visione per il film dopo che lo sceneggiatore ha esaminato le modifiche apportate dal regista alla sua sceneggiatura. I manifestanti e gli attivisti di Queer Nation si sono opposti alla rappresentazione di L.G.B.T.Q. L’Organizzazione nazionale per le donne ha criticato una scena di stupro erotizzata. Douglas fuma e balbetta, un tipico tacco da film noir, mentre Stone offre il suo dialogo con il bagliore diabolico di un attore scaltro che si diverte, poiché il film viene interpretato nel modo giusto. È facile vedere come l’immagine l’abbia resa una star e come sarebbe fallita senza di lei. La spettacolarità del lavoro di macchina da presa di Jan de Bont, le corde tonanti della colonna sonora di Jerry Goldsmith e la trama assurda di “Basic Instinct” sono ovunque senza il bagliore della performance di Stone. Molti critici hanno perso gli angoli satirici dei film di fantascienza di Verhoeven “RoboCop” e “Starship Troopers”. Nell’abbraccio del film e nell’amplificazione delle convenzioni dei thriller di suspense, Verhoeven si fa avanti. Il materiale lesbico del rossetto è giocato solo per i brividi diretti dello sguardo maschile, mentre la bisessualità è inquadrata come un sintomo di instabilità mentale, se non addirittura psicopatia. La dice lunga sulla sua epoca, e sui progressi che abbiamo fatto da allora, che un personaggio così riprovevole come Nick Curran fosse inteso come un surrogato del pubblico, il bravo ragazzo di un thriller ad alto budget, semplicemente perché era una persona etero.