I dati degli ultimi giorni mostrano che l’epidemia di Covid non lascia andare l’Italia e l’Europa, ma la differenza tra questi giorni e un anno fa è ancora molto sostanziale. In Italia i posti nei reparti di area non critica per i pazienti Covid sono aumentati al 42% un anno fa, ma attualmente sono stabili al 13% a livello nazionale. I dati dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali mostrano che su base giornaliera la tariffa aumenta in 10 regioni. L’occupazione degli intensivi è stabile al 5% a livello nazionale mentre cresceva al 34% un anno fa. L’occupazione dei posti letto in terapia intensiva da parte dei pazienti con Covid-19 è diminuita in Puglia ed è cresciuta in Basilicata. Instead, it is stable in 19 regions or autonomous provinces: Abruzzo (7%), Calabria (7%), Campania (5%), Emilia Romagna (6%), Friuli Venezia Giulia (5%), Lazio (8%) ), Liguria (6%), Lombardy (4%), Marche (5%), Molise (5%), Pa Bolzano (2%), Piedmont (4%), Pa Trento (2%), Sardinia (9% ), Sicily (8%), Tuscany (7%), Umbria (6%), Valle d’Aosta (3%) and Veneto (3%). In Basilicata l’occupazione dei posti letto in area medica da parte dei pazienti con Covid-19 scende al 23%, mentre è stabile nelle altre aree. Ci sono state migliaia di morti per Covid negli ultimi due mesi che avrebbero potuto essere evitate con il vaccino. Più della metà delle persone non aveva avuto il vaccino. Se teniamo conto che il vaccino protegge il 90% da malattie gravi, possiamo dire che se ne sarebbero salvate circa 8.000. Ci sono meno infezioni rispetto all’inizio dell’anno, tuttavia ci sono ancora decessi per persone non vaccinate. La scienza mostra che Ffp2 protegge. L’articolo Covid, Agenas, afferma che l’occupazione dei dipartimenti è in crescita in dieci regioni.