Il presidente Joe Biden ha detto in un discorso in Polonia che i russi non sono nostri nemici. La Russia è stata accusata di crimini di guerra. Biden si è fermato prima di chiedere un cambio di regime, ma ha detto che Putin non poteva rimanere al potere. Sabato, durante un discorso in Europa, il presidente Joe Biden ha affermato che il popolo russo non è un nostro nemico. Se puoi ascoltare, ti dirò che il popolo russo non è nostro nemico. Ha detto che non avrebbe creduto che avresti accolto con favore l’uccisione di bambini e nonni innocenti o che avresti accettato ospedali, scuole, reparti maternità bombardati da missili e bombe russi. Diversi razzi hanno colpito la città ucraina occidentale di Lviv, a sole 45 miglia dalla Polonia, durante la visita di Biden. Le scuole e gli ospedali ucraini sono stati accusati di essere bersagli di crimini di guerra dalle forze russe. Biden ha invitato i russi che vivevano in Unione Sovietica a parlare contro l’invasione di Putin, dicendo che le sue azioni non sono le azioni di una grande nazione. Nella città natale di Putin, St. Pete, ci sono state diverse manifestazioni contro l’invasione dell’Ucraina. Biden ha detto che la guerra non era degna dei russi. La Casa Bianca ha negato che Biden chiedesse un cambio di regime dopo aver affermato che Putin non poteva rimanere al potere.