Secondo Verisk Extreme Event Solutions, le perdite assicurate alle proprietà dovute al terremoto M7.3 del 16 marzo che ha colpito al largo dell’isola di Honshu, in Giappone, saranno comprese tra 240 miliardi di JPY e 2 miliardi di dollari. La significativa catena di approvvigionamento e l’interruzione della produzione per l’industria automobilistica e della carta sono alcuni degli impatti del terremoto. In alcuni casi, il Verisk Earthquake Model for Japan incorpora la visione del rischio sismico del quartier generale giapponese per la promozione della ricerca sui terremoti (HERP), nonché le proprie intuizioni sul modello di sismicità e movimento del suolo. Simile ai precedenti terremoti in Giappone, i movimenti del suolo ad alta frequenza tendono ad essere amplificati in aree con sedimenti morbidi poco profondi come le valli e la costa. Secondo Verisk, i terremoti nella fossa giapponese con profondità focali relativamente profonde tendono a produrre movimenti del suolo molto elevati nelle aree costiere. Un esempio di terremoto con una profondità focale relativamente profonda che colpisce la fossa giapponese è il terremoto di Tohoku M9.0 dell’11 marzo 2011. Verisk non include le perdite dovute a scuotimento del terreno, in seguito a incendi e liquefazione nelle sue stime dei danni assicurati. Il post Verisk Estimates Insured Industry Losses per il Giappone è apparso per primo.