È necessario concentrarsi su un possibile piano di pace poiché la tragica guerra in Ucraina ha scacciato 10 milioni di persone dalle loro case e ucciso molte migliaia senza una fine in vista e nessuna reale prospettiva di vittoria a breve termine per nessuna delle parti. L’Ucraina e la Russia dovranno concordare i dettagli, ea questo punto è molto difficile sapere cosa accetterebbe una delle parti, ma questa guerra ci coinvolge tutti in un modo o nell’altro e nasce da un disaccordo sul fatto che l’Ucraina debba mai essere autorizzata a entrare Nato. L’essenza di un accordo sarebbe che la Russia accetti un cessate il fuoco così come il ritiro delle sue forze dal territorio ucraino e che il governo ucraino accetti l’impegno della NATO di aderire all’alleanza. La sicurezza di un’Ucraina neutrale sarebbe garantita da tutte le parti. Se la Russia attaccasse di nuovo, la NATO e l’Unione Europea chiarirebbero che le sanzioni economiche contro la Russia e l’assistenza militare all’Ucraina sarebbero tornate in vigore. L’Ucraina dovrebbe poter mantenere viva la questione in futuro con Mosca, se lo vorrà, proponendo magari vari tipi di doppia cittadinanza e accesso garantito all’interno di questa scelta immobiliare. Per ridurre le possibilità di nuovi combattimenti, una missione di monitoraggio delle Nazioni Unite con truppe al di fuori della Russia e delle regioni della NATO potrebbe essere dispiegata lungo qualsiasi confine futuro venga concordato. Al fine di dimostrare la fiducia e l’impegno della comunità internazionale nei confronti della sovranità dell’Ucraina, alcune agenzie tecniche delle Nazioni Unite dovrebbero essere trasferite nel Paese. La comunità internazionale ha bisogno di aiutare a ricostruire dopo la guerra. Alcuni russi chiedono la fine del governo Zelensky e un’Ucraina smilitarizzata. Quest’ultimo consentirebbe a Putin di riprendere la guerra solo in un secondo momento. Putin sa che l’Ucraina non è una minaccia per la Russia e qualsiasi richiesta di smilitarizzazione dimostra malafede. L’Ucraina dovrebbe avere una modesta forza in servizio attivo e una grande forza di riserva in grado di resistere a qualsiasi attacco o tentativo di occupazione, come quelli della Svizzera o della Svezia. In base a questo accordo, Putin dovrà accettare che molte aziende occidentali non sceglieranno di tornare in Russia in futuro e che i governi occidentali non possono costringerle a tornare. La Russia sarà in grado di riprendere la maggior parte del commercio di energia e la maggior parte dell’accesso al sistema finanziario internazionale con un accordo.

You may also like

NASA Artemis I

La distanza massima che Orion raggiungerà dalla Luna durante la missione è di oltre 92.000 ...

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *