Quando ho visto che l’ospedale pediatrico di Mariupol era stato bombardato, ho pensato che dovevo fare di più che consegnare pannolini ai bambini ucraini. Potevo permettermi di andare in Polonia in macchina per aiutare alcuni dei profughi a raggiungere l’Italia a causa del mio lavoro. Marco Lunghi, responsabile della società di software MedArchiver e residente a Trieste con la sua famiglia, ha affrontato un viaggio di andata e ritorno di oltre 20 ore in un fine settimana. Dice di aver usato Facebook per entrare in contatto con persone con cui non parlava da anni. Una signora ucraina che vive a Genova mi ha scritto dopo che avevo annunciato il mio viaggio. I passeggeri mi hanno mostrato foto di edifici distrutti e corpi a terra, ma non ho insistito con le domande: appena ho chiesto come si sentivano, i due che capivano l’inglese sono scoppiati in lacrime. Mi è stato chiesto come potevano trovare lavoro in Italia. Per Lunghi è stato difficile organizzare il trasporto nel rispetto di tutte le normative a causa delle difficoltà di un lungo viaggio e delle frontiere da attraversare. Per arrivare a Genova le ragazze avrebbero dovuto prendere un treno da Trieste. Spiega che per trovare un hub che tamponasse domenica ha dovuto fare diversi tentativi lungo il percorso. Il punto d’incontro con i miei passeggeri alla stazione di Katovice in Polonia era una macchina organizzativa molto efficiente. C’erano dei profughi alla stazione di Trieste, ma io non ho visto niente. Il capotreno mi mise in contatto con le Suore di San Giacomo, che si offrirono di ospitare le ragazze per una notte, perché potessero salire sul treno. Lunghi ha dato consigli sulla sua pagina Facebook alle persone che vorrebbero fare la stessa cosa.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.