Steve Bannon potrebbe perdere un pilastro fondamentale della sua difesa contro il disprezzo delle accuse del Congresso. Durante un’udienza in tribunale di oltre 2 ore mercoledì, un giudice federale nominato dall’ex presidente Donald Trump ha dichiarato di essere propenso a bloccare la tesi di Bannon secondo cui la sua sfida a un comitato della Camera degli Stati Uniti che indaga sull’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio è stato il risultato del suo avvocato. La capacità del Dipartimento di Giustizia di dimostrare che l’alleato di Trump ha violato volontariamente la legge rifiutandosi di soddisfare la richiesta di atti e testimonianze della commissione della Camera doveva essere minata da tale argomento. Al Dipartimento di Giustizia è stato ordinato di consegnare dichiarazioni o scritti che riflettessero la politica ufficiale del DOJ per affrontare casi che coinvolgono funzionari governativi attuali o precedenti che rivendicano il potere esecutivo. I documenti che il Dipartimento di Giustizia ha consegnato alla squadra di difesa potrebbero far luce su come si è avvicinato all’accusa di Bannon e su come vede i suoi rapporti con la commissione della Camera in modo diverso rispetto ad altri funzionari governativi attuali o precedenti che si sono rifiutati di conformarsi alle citazioni del Congresso. Alla squadra di difesa sono state negate numerose richieste di documenti. Il Dipartimento di Giustizia ha cercato di ottenere i record telefonici ed e-mail di uno degli avvocati di Bannon, Robert Costello, che lo ha rappresentato davanti alla commissione della Camera che indagava il 6 gennaio. La squadra di difesa di Bannon ha protestato per la mossa. Vaughn ha detto che la mossa era necessaria per dimostrare che Bannon era a conoscenza della citazione della Camera. Anche se il mondo sapeva del procedimento per disprezzo, e anche se potevano esserci dubbi sulla consapevolezza di Bannon della citazione, il giudice federale si è chiesto se potesse esserci qualche dubbio. Il Dipartimento di Giustizia ha ottenuto accidentalmente i registri di Robert Costellos, che non era un avvocato di Bannon. I pubblici ministeri hanno affermato che evidenziandolo, Bannon stava cercando di far sembrare che le fasi investigative e i vicoli ciechi non lo siano. Stavano cercando Robert Costello e lui si è presentato a loro in tribunale. Il processo del gran giurì è stato accusato di essere stato abusato dal Dipartimento di Giustizia. Poche settimane dopo che la Camera aveva suggerito al Dipartimento di Giustizia di perseguire Bannon per la sua sfida all’indagine del Congresso sull’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio, è stato incriminato. Diversi alleati di Trump hanno citato il privilegio esecutivo o avvocato-cliente quando si rifiutano di collaborare con il comitato ristretto della Camera.