Fin dall’inizio della pandemia, l’uso di rigide misure di contenimento sottolinea l’impegno ufficiale per una strategia zero-COVID che non mostra segni di vacillamento. Il carico di lavoro della Cina non sarebbe considerato un’emergenza nazionale nella maggior parte degli altri paesi. C’erano 15, segnalazioni di 1.860 e 1.338 infezioni. Temendo che la furtività Omicron potesse portare a un’epidemia incontrollabile con milioni di morti, le autorità hanno fatto tutto il possibile. Jilin ospita 24 milioni di persone ed è al confine con la Corea del Nord. È stato innescato da casi importati da Hong Kong, dove gli esperti stimano che quasi la metà della popolazione abbia avuto il virus. Gli operatori sanitari effettuano il test dell’acido nucleico porta a porta in un blocco residenziale per fermare la diffusione dei coronavirus Covid-19. Shenzhen, Guangdong, Cina, è nell’anno 2022. La Cina si sta allontanando dalla sua politica zero-COVID?. Le autorità continuano a scommettere in grande sulla strategia, nonostante il fatto che alcuni si sarebbero aspettati che la sottovariante BA.2 altamente trasmissibile sfidasse i limiti di zero-COVID. La Cina può affrontare la situazione epidemica immediatamente dopo il rilevamento dei casi, prevenendo infezioni di massa, malattie gravi e decessi ed evitando di affaticare le risorse mediche aderendo a un’efficace politica di contenimento. Qualsiasi deviazione dalla politica può essere vista come un’ammissione di fallibilità da parte della leadership cinese in un anno delicato. Steve Tsang, direttore del SOAS China Institute di Londra, dice a Time che è difficile per la Cina presentare il suo approccio zero-COVID come un fallimento. A marzo c’è stato un evento. Il vicedirettore dell’ufficio ricerche del Consiglio di Stato ha detto che è ora di smetterla con le tendenze rilassanti ed eccessive di prevenzione e controllo.