Mariupol non si arrende. Di fronte alle richieste russe di consegna della città, che si trova nella parte sud-orientale del Paese, Kiev vuole resistere. Il ventiseiesimo giorno del conflitto in ucraino, l’offensiva continua. Ieri il ministero della Difesa russo ha proposto un cessate il fuoco e l’apertura di corridoi umanitari, ma si trattava più di una richiesta di resa. Le autorità russe hanno chiesto alle unità delle forze armate ucraine di deporre le armi e di ritirarsi nei territori controllati da Kiev utilizzando corridoi umanitari concordati. Le richieste russe sono state respinte. Iryna Vereshchuk ha detto che la resa non è un’opzione. C’è stato un incendio in uno dei centri commerciali nel distretto di Podolsk. Secondo una dichiarazione del governatore dell’Oblast Dmytro Zhyvytsky, c’è stata una perdita di ammoniaca dall’impianto chimico nella regione di Sumy a causa di un attacco aereo russo. Continua l’impegno dei leader occidentali e continuano i negoziati tra le parti. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si recherà venerdì a Varsavia, in Polonia, per un incontro bilaterale con il presidente polacco. La Casa Bianca afferma che l’incontro discuterà di come gli Stati Uniti, insieme ai nostri alleati e partner, stanno rispondendo alla crisi umanitaria e dei diritti umani creata dalla guerra della Russia contro l’Ucraina. Il Presidente del Consiglio italiano avrà oggi una conversazione telefonica con Biden.