Barbara Probst sarà in Triennale Milano dal 23 marzo al 22 maggio. Poetry and Truth, la prima mostra personale in un’istituzione culturale italiana dell’artista tedesco che ha esposto in numerosi musei di prestigio internazionale come il MoMA di New York, il Museum of Contemporary Photography di Chicago, la Tate di Londra, Le Bal di Parigi, e che è presente con le sue opere nelle collezioni di grandi musei. Una selezione di 24 opere, per un totale di 91 immagini, che comprendono ritratti, nature morte, nudi, scatti urbani, fotografie di moda e di reportage, tutti generi che Probst esplora alternando l’uso del bianco e nero al colore. Negli ultimi anni Triennale Milano ha dato un rinnovato focus alla fotografia in programmazione, presentando il lavoro di giovani talenti oltre che di autori affermati. La mostra personale che dedichiamo a Barbara Probst rappresenta un’occasione unica per far conoscere in Italia il lavoro di uno straordinario artista di fama internazionale e si iscrive a un percorso di analisi sulla fotografia come strumento per attuare un processo critico e una visione. Il lavoro di Barbara Probst è incentrato sul tema della visione e della percezione individuale e soggettiva della realtà, che si riflette nella selezione delle opere in mostra. Triennale Milano è supportata dai Partner Istituzionali Eni e Lavazza, dal Media Partner Istituzionale Clear Channel e dal Partner Tecnico ATM. Il suo lavoro è stato esposto al MoMA di New York nel 2006 nell’ambito della mostra New Photography, oltre che in numerose mostre personali, tra cui Le Bal a Parigi. La mostra “Ettore Sottsass” si terrà in Triennale Milano. In collaborazione con lo Studio Sottsass è stata scattata una foto dalla finestra. Sono 26 gli scatti fotografici, associati ad altrettanti brevi testi, realizzati tra il 2004 e il 2006 da Ettore Sottsass e pubblicati su “Domus” all’interno della rubrica “Foto dal più finerino”. Queste istantanee sono state scattate da Sottsass nei suoi viaggi intorno al mondo e sono accompagnate da riflessioni sul design, l’architettura, l’urbanistica, ma anche ricordi di viaggio e riflessioni sul presente. Nel 2004, quando sono diventato direttore di Domus, ho chiesto a Ettore Sottsass di scrivere editoriali che rappresentassero la sua visione del mondo. Parte del mondo e dei pensieri che sono stati recuperati dal suo enorme archivio di luoghi che ha visitato con Barbara sono stati sparsi sulla superficie del pianeta. Sono 26 le istantanee del pensiero visivo che presentiamo oggi alla Triennale. Dall’India all’Iran, da Bali a Hong Kong, ma anche Milano, Catania, Ponza: Photo from the window è una raccolta di scatti – a colori e in bianco e nero – realizzati con una vecchia Leica M6 che Sottsass ha sempre portato con sé durante i suoi viaggi. Il susseguirsi di fotografie consente allo sguardo di Sottsass di emergere sulla realtà che lo circonda e della sua straordinaria capacità di coniugare parole e immagini con la massima libertà, costruendo una narrazione unica e personale a partire dallo scarto che le separa. Dopo la mostra monografica del 2017: C’è un pianeta, Triennale ha voluto celebrare e raccontare gli aspetti meno noti con Casa Lana, un’installazione permanente visitabile gratuitamente al primo piano. Triennale Milano è supportata dai Partner Istituzionali e dai Partner Tecnici. Triennale Milano ha rinnovato la propria caffetteria per rendere l’esperienza di visita ancora più piacevole e completa. Attraverso la creazione di uno spazio arricchito da numerose piante, il progetto di restyling attribuisce un ruolo centrale al verde e segue i principi della progettazione sostenibile ed energeticamente efficiente. Il progetto per la nuova Caff Triennale è stato curato dall’architetto Luca Cipelletti, che sta seguendo la direzione architettonica del Palazzo dell’Arte e il più ampio lavoro di valorizzazione architettonica di Giovanni Muzio, che Triennale sta portando avanti da alcuni anni. Nel rinnovamento è stata coinvolta Lavazza, che ha rinnovato il sostegno a Triennale Milano come partner istituzionale condividendo l’approccio multidisciplinare alla ricerca nelle arti visive e alle tematiche sostenibili. L’impegno del brand nel promuovere una cultura del caffè sostenibile per un futuro migliore si riflette nei valori della nuova caffetteria, che fa parte della community Lavazza Coffee Defenders. Le piante sono state posizionate sul perimetro dello spazio e tra i tavoli per sottolineare la continuità con Parco Sempione che sembra entrare in Triennale. Ci sono lampade modulari di Big che riportano un segno grafico di luce sulla nervatura dell’originale disegno strutturale del Palazzo dell’Arte. Lo spazio espositivo centrale ospiterà installazioni di grande impatto visivo che si alterneranno nel corso dell’anno. In occasione della 23. Esposizione Internazionale di Triennale Milano Unknown Unknowns, è prevista una seconda installazione pensata per lo spazio espositivo all’interno del Caff Triennale. Il progetto Triennale Milano è sostenuto dai Partner Istituzionali e da ATM. Il rinnovato caffè è stato inaugurato dall’articolo della Triennale e sono stati presentati i mosyres su Barbara Probst ed Ettore Sottsass.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.