Raccogliere quegli oggetti era un modo per evitare che il passato scivolasse via. Una collezione inizia come una protesta contro il tempo e finisce come una festa. La cultura pop è incentrata sul fair game, dai giocattoli ai libri, dalle arti visive alle maglie, alle scarpe da ginnastica. Gli oggetti sono passati dall’essere possedimenti di un collezionista a una collezione. Raccontano una storia sul passato quando ci sono abbastanza cose. Spiegano perché il passato è importante. DJ è in diretta streaming. C’erano set che rendevano omaggio alle icone della musica scomparse di recente. Molti degli oggetti della mia collezione sono stati ricollegati a me durante questo periodo. Mi è stato chiesto di tornare indietro e lavorare sulle note di copertina per la riedizione dei dischi Roots. Il passato serve il presente pur difendendo se stesso perché i brani delle canzoni vengono raccolti e organizzati. Il modo in cui gli oggetti su uno scaffale diventano soggetti a pieno titolo è esplorato nei miei progetti più recenti. Nel libro “La musica è storia”, ho ripercorso gli anni trascorsi sul pianeta e ho collegato un’idea di ogni anno a una canzone che la rappresenta. L’Harlem Cultural Festival, un concerto del 1969 con artisti come Stevie Wonder e Sly & the Family Stone, è presente nel documentario Summer of Soul. Il processo per dirigere SUMMER OF SOUL è stato più sfumato e intenso rispetto all’organizzazione di una raccolta, ma mi ha richiesto di porre le stesse domande. Qual è il modo migliore per assicurarsi che le cose siano comprese e non solo viste?. Mi chiedo se sono solo la somma di tutte le cose che ho raccolto. È il direttore musicale del Tonight Show e l’autore di un libro sulla musica.