Il mercato azionario nazionale può reggere meglio di altre parti del mondo, secondo gli investitori. Si stanno allontanando dai mercati europei a causa della guerra in Ucraina e della dipendenza del continente dall’energia russa. Molti investitori ritengono che l’economia statunitense sia entrata nel tumulto delle ultime settimane in una forma sufficientemente forte da resistere al balzo dei prezzi del petrolio e all’accresciuta ansia causata dall’invasione russa dell’Ucraina. Dall’invasione russa di febbraio, l’indice DAX tedesco è sceso dell’1,5%. Jim McDonald, chief investment strategist di Northern Trust, ha affermato che gli Stati Uniti sono un porto sicuro in un mondo non sicuro. La produzione statunitense di energia e prodotti agricoli aiuta a isolarla dai recenti aumenti dei prezzi delle materie prime, mentre un forte mercato del lavoro statunitense dovrebbe sostenere l’economia interna, ha affermato Mr. Ha detto che la Northern Trust ha acquistato azioni statunitensi e venduto azioni da altre parti del mondo. I gestori di denaro si sono caricati sulle azioni statunitensi e hanno ridotto le loro partecipazioni in società europee. Le azioni del paese sono tornate a una posizione netta di sovrappeso nel sondaggio dopo essere balzate di 27 punti percentuali da febbraio a marzo. La quota di intervistati che sovrappesava i titoli dell’eurozona è scesa di 48 punti percentuali, raggiungendo il più grande sottopeso per quella regione da luglio 2012. La società di gestione patrimoniale con sede ad Atlanta Homrich Berg sta valutando la possibilità di ridurre la propria allocazione alle azioni internazionali e di passare a obbligazioni a breve termine a causa del rischio di rallentamento economico al di fuori degli Stati Uniti, ha affermato il chief investment officer. Alcuni investitori affermano che, anche con un’elevata instabilità geopolitica, le azioni all’estero vengono scambiate con uno sconto abbastanza elevato rispetto al mercato azionario statunitense da meritare considerazione. Secondo Ben Kirby, co-responsabile degli investimenti di Thornburg Investment Management, la maggior parte dei rischi è prezzata sui mercati internazionali. Nella settimana conclusa mercoledì, Thornburg ha rafforzato le sue posizioni nell’assicuratore olandese NN Group NV e nella società petrolifera e del gas francese TotalEnergies SE. BofA Securities ha riferito che i clienti hanno acquistato il calo e recentemente hanno favorito le azioni nei segmenti dei beni di consumo discrezionali e dei beni di prima necessità. I settori con le migliori performance dell’S&P 500 nell’ultimo mese sono i titoli energetici, che beneficiano dell’aumento dei prezzi del petrolio, e i titoli di servizi pubblici e sanitari, a cui gli investitori si rivolgono spesso quando sono cauti sull’economia.