Secondo il Wall Street Journal, i negozi in Russia finiranno presto le scorte. I negozi russi hanno forniture per tre mesi, secondo il CEO. I negozi rimarrebbero aperti nonostante l’interruzione delle vendite online e delle spedizioni di forniture in Russia. Il Wall Street Journal ha riportato la notizia che i negozi in Russia presto esauriranno le scorte. Mark Constantine, l’amministratore delegato dell’azienda, ha detto all’outlet che i negozi russi hanno avuto una fornitura sufficiente per tre mesi, ma che avrebbero faticato a tenere il passo con la domanda quando le scorte si esauriscono. I negozi rimarrebbero comunque aperti nonostante il fermo delle vendite e delle spedizioni online. La maggior parte dei 48 negozi in Russia è di proprietà di un licenziatario russo. Secondo The Journal, Constantine ha detto che non potevano semplicemente insistere perché chiudesse i negozi perché non era nel contratto di licenza. Constantine ha detto alla pubblicazione che l’affiliato locale stava cercando di ridurre il numero di negozi per far durare più a lungo le forniture. Il CEO ha affermato che se il rivenditore si assicurasse prodotti diversi da un nuovo produttore, potrebbe rispondere con un’azione legale. La società madre di Burger King, Restaurant Brands International, ha recentemente affermato di voler chiudere i negozi russi, ma non poteva a causa di un “complicato procedimento legale” con l’affiliato. Il proprietario della società che controlla gli accordi di franchising di Papa John in Russia ha dichiarato al New York Times di non voler chiudere i negozi.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.