I pubblici ministeri del Dipartimento di Giustizia affermano che Bruce Wayne Ivey è stata una delle prime 15 persone a fare irruzione in Campidoglio. L’uomo che secondo i pubblici ministeri è stato una delle prime 15 persone a fare irruzione nel Campidoglio degli Stati Uniti è stato condannato a tre anni di libertà vigilata e 60 giorni di arresti domiciliari. Bruce Wayne Ivey si è dichiarato colpevole di un unico conteggio di sfilata, manifestazione o picchettaggio nella capitale degli Stati Uniti. Mentre il governo lavora per perseguire le 800 persone arrestate in relazione all’attacco, i pubblici ministeri federali hanno offerto a diversi rivoltosi l’accusa minore in cambio delle loro dichiarazioni di colpevolezza. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Christopher Cooper ha condannato Ivey a scontare 60 giorni di reclusione in casa, oltre a $ 500 di risarcimento. Il primo a riferire i risultati dell’udienza di condanna è stato WUSA, che ha affermato che il giudice ha ordinato regolari test antidroga e cure per la salute mentale. Secondo WUSA, il governo federale ha sostenuto che Ivey dovrebbe essere accreditato per essere stato uno dei primi imputati della rivolta del Campidoglio a dichiararsi colpevole e per aver cercato cure per la salute mentale dopo l’assedio. Quattordici persone sono entrate in Campidoglio quel giorno, hanno detto i pubblici ministeri. Mercoledì, in un tribunale virtuale, un avvocato ha detto al giudice che il suo cliente era incline al pensiero cospiratorio, secondo WUSA.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.