Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha vinto il quinto mandato domenica in un’elezione che è diventata un referendum sulla sua promessa di bloccare il sostegno all’Ucraina nella sua guerra con la Russia. Secondo i risultati ufficiali, Orban aveva ottenuto la maggioranza e la coalizione da lui guidata era sulla buona strada per ottenere 135 dei 199 seggi in parlamento. Anche se domenica i leader occidentali hanno espresso shock per i presunti crimini di guerra commessi dalle truppe russe fuori Kiev, è probabile che la vittoria dell’ungherese accresca i disaccordi nell’alleanza occidentale su quanto agli elettori dovrebbe essere chiesto di sacrificare per l’Ucraina. Era in gioco la legittimità della vittoria di Orban, con gli osservatori elettorali dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa che hanno affermato che lunedì avrebbero discusso le loro scoperte. Il signor Orban ha detto che non vedeva l’ora di combattere. Un piccolo gruppo di sgonfi sostenitori dell’opposizione è rimasto al freddo per sentire il loro candidato lamentarsi del fatto che le elezioni non erano giuste. La campagna di Mr. Orban lo ha messo in contrasto con la maggior parte dei governi occidentali e con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. L’Ungheria sta diventando una piaga per l’UE e l’alleanza transatlantica se gioca un ruolo nel far deragliare un’azione più assertiva contro Mosca. Il signor Marki-Zay ha detto che la macchina della propaganda menteva quando diceva che avremmo mandato in guerra ragazzi non addestrati a morire. Mr. Orban ha detto la stessa cosa che ha detto, che l’Ungheria può essere protetta solo dalla NATO e che deve essere un membro fedele e leale della comunità occidentale. Secondo ex funzionari del governo ungherese e diplomatici occidentali in Russia e in Europa, il signor Orban non ha buoni rapporti con la Russia. A febbraio, quando gli Stati Uniti avevano avvertito che un attacco all’Ucraina era imminente, il signor Orban è volato a Mosca per incontrare il signor Putin. Secondo un ex funzionario ungherese che era vicino al signor Orban, Putin non avrebbe mai attaccato. Andras, elettore del partito Fidesz, ha affermato che l’Ungheria non può vivere senza l’energia russa. Il signor Jenei ha detto che il governo aveva una narrativa secondo cui la sinistra voleva unirsi alla guerra.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.