Il divario di genere nel voto americano, con gli uomini a favore del Partito Repubblicano e le donne a favore dei Democratici, è ben noto. Indipendentemente dall’identificazione come uomo o donna, gli individui più stereotipicamente “maschili” sono disposti a prendere posizione. Uno scienziato politico del Washington College, che è anche presidente del consiglio di amministrazione del Public Religion Research Institute, e uno scienziato politico dell’Università del Delaware, hanno pubblicato una ricerca sul nazionalismo di genere nel 2019. Il 41% degli uomini democratici senza titolo universitario concorda sul fatto che la società americana è diventata troppo morbida e femminile rispetto all’80% degli uomini repubblicani senza titolo, una differenza di 39 punti. Nonostante gli enormi divari tra uomini e donne nel loro comportamento di voto, la partigianeria è più importante del genere nel determinare il modo in cui le persone votano; così è anche il ruolo cruciale dell’orientamento psicologico nel plasmare la fedeltà ai partiti democratici o repubblicani. Lo studio Deckman-Cassese fa parte di un ampio corpus di lavori che cerca di rispondere a una domanda: chi sono gli uomini che si allineano con il Partito Democratico e chi sono le donne che si identificano come repubblicane?. Un modello simile allo studio Deckman e Cassese è stato trovato in “Gender and the Authoritarian Dynamic: An Analysis of Social Identity in the Partisanship of White Americans” di Bradley Di Mariano. Le divisioni partigiane tra le donne bianche erano quasi identiche: donne democratiche 68,3% non o deboli autoritarie e 31,7% autoritarie o alquanto autoritarie; Donne repubblicane, 45,6% non o deboli autoritarie e 54,4% autoritarie o deboli autoritarie. I dati sui livelli di sostegno e opposizione su un’ampia gamma di questioni per uomini democratici, donne democratiche, uomini repubblicani e donne repubblicane sono stati forniti al Times da Brian Schaffner, un politologo presso Tufts e co-direttore del Cooperative Election Study. Secondo Schaffner, le donne repubblicane sono meno conservatrici sulle questioni rispetto alle loro controparti democratiche. Pari retribuzione, età minima, diritto di sciopero e divieto di discriminazione basata sull’identità di genere/orientamento sessuale sono tutte questioni in cui il divario tra uomini e donne repubblicani è ampio. Quasi la stessa percentuale di uomini e donne democratici era d’accordo, ma uomini e donne repubblicani non erano d’accordo. Allo stesso modo, il 90% degli uomini democratici e il 92% delle donne democratiche sostiene il ripristino della Sezione 5 del Voting Rights Act, che è stato progettato per vietare la discriminazione nelle pratiche elettorali, mentre il 37% degli uomini repubblicani ha sostenuto quella posizione e il 56% delle donne repubblicane ha stesso. Il P.R.R.I. è stato chiesto se l’America rischia di perdere la sua cultura e identità. Il sondaggio ha rilevato che l’80% delle donne repubblicane e l’82% degli uomini repubblicani erano d’accordo, mentre il 65% delle donne democratiche e il 66% degli uomini democratici non erano d’accordo. Gli autori hanno riferito che gli uomini repubblicani bianchi conservatori sono i meno preoccupati per i rischi ambientali e i rischi delle armi. Nel caso del rischio associato alle armi, l’ordine era diverso, con gli uomini bianchi che mostravano la minor avversione al rischio, seguiti dagli uomini delle minoranze, poi dalle donne bianche e infine dalle donne delle minoranze. L’aumento della gerarchia e dell’individualismo porta a un maggiore scetticismo sul rischio nei maschi bianchi rispetto alle donne bianche o ai non bianchi maschi o femmine. Gli uomini bianchi conservatori sono più disposti a tollerare il rischio rispetto ad altri gruppi a causa del loro alto individualismo e del loro sostegno alla gerarchia. Satterfield dell’Università della British Columbia ha scoperto che le valutazioni della percezione del rischio degli uomini bianchi erano inferiori a quelle delle minoranze. La motivazione delle donne bianche che sostengono i repubblicani non è chiara come potrebbe essere. Barnes, politologo dell’Università del Kentucky, affronta questa domanda nel suo articolo del 2018 “Reconciling Sexism and Women’s Support for Republican Candidates: A Look at Gender, Class, and Whiteness in the 2012 and 2016 Presidential Races”. Cassese e Barnes hanno scoperto che nelle elezioni del 2016, la classe sociale e l’istruzione hanno svolto un ruolo più importante nelle decisioni di voto delle donne rispetto agli uomini: tra gli elettori di Trump, le donne avevano molte più probabilità di trovarsi nella categoria di reddito più basso rispetto agli uomini, una differenza di 13 punti nel campione completo e 14 punti solo per gli intervistati bianchi. Gli autori hanno posto la domanda: “Perché la maggioranza delle donne bianche era disposta a tollerare il sessismo di Trump?” Per rispondere, gli autori hanno esaminato le risposte dei sondaggi a tre domande: “Le donne che chiedono l’uguaglianza cercano favori speciali?” e “Le donne che si lamentano della discriminazione causano più problemi di quanti ne risolvano?”. In risposta alla campagna. Una preferenza per la gerarchia e la disuguaglianza basate sul gruppo è una variabile che può essere utilizzata per prevedere la partigianeria repubblicana. Arnold Ho, professore di psicologia all’Università del Michigan e autore principale del documento del 2015, “The Nature of Social Dominance Orientation: Theorizing and Measuring Preferences for Intergroup Inequality Using the New SDO7 Scale”, ha scritto che lui e i suoi colleghi hanno scoperto ” genere coerente. Nelle società in cui gruppi uguali sono separati in ruoli o spazi di vita separati, potrebbero non essere supportati dal consenso di gruppo. Ci aspetteremmo che dominanti e subordinati fossero simili nel loro atteggiamento nei confronti della gerarchia. È possibile che l’associazione del Partito Democratico con valori legati più strettamente alle donne che agli uomini sia un fattore di perdita di sostegno tra gli uomini ispanici e neri. I pericoli specifici che i responsabili politici devono affrontare derivano da decisioni serie prese in un clima di crisi, ma le pressioni su coloro che prendono le decisioni sono legate alle disposizioni psicologiche contrastanti di repubblicani e democratici e sono anche legate alle discrepanze tra uomini e donne nella tolleranza per il uso della forza. Lo studio del 2012, “Men and Women’s Support for War: Accounting for the gender gap in public opinion”, ha rilevato che gli uomini erano più propensi a sostenere l’intervento militare in Afghanistan, Iraq e Libia rispetto alle donne.