I timori che i prezzi elevati possano rallentare la transizione dai combustibili fossili sono sorti a causa dell’invasione russa dell’Ucraina, che ha scosso il mercato globale del nichel proprio mentre acquista importanza come ingrediente nelle batterie delle auto elettriche. Il London Metal Exchange ha interrotto le negoziazioni la scorsa settimana dopo che il prezzo del nichel è raddoppiato in un solo giorno. Dopo due anni di caos nella catena di approvvigionamento causato dalla pandemia, l’episodio ha fornito ulteriori prove di come le tensioni in Medio Oriente stiano interrompendo le relazioni commerciali che le aziende un tempo davano per scontate, costringendole a ripensare a dove ottenere le parti e i metalli che usano per produrre automobili e molti altri prodotti. Molte aziende che hanno bisogno del nichel, così come di altre materie prime per batterie, hanno iniziato a cercare modi per proteggersi dagli shock futuri. La Volkswagen, ad esempio, ha iniziato a esplorare l’acquisto di nichel direttamente dalle società minerarie, secondo l’amministratore delegato della casa automobilistica. È probabile che gli Stati Uniti e l’Europa intensifichino i loro sforzi per sviluppare forniture interne di materie prime provenienti dalla Russia. È probabile che la creazione di nuove operazioni minerarie richieda anni, persino decenni, a causa del tempo necessario per acquisire permessi e finanziamenti. Nel frattempo, le aziende che utilizzano il nichel dovranno fare i conti con prezzi più elevati che alla fine saranno percepiti dai consumatori. L’impennata dei prezzi di marzo raddoppierebbe il costo di un’auto, secondo le stime della società commerciale. La maggior parte del nichel del mondo viene utilizzato per produrre acciaio inossidabile e non batterie per auto. Norilsk è una delle poche società autorizzate a vendere nichel sul London Metal Exchange. Mentre gli hedge fund e altri investitori scommettevano sulla crescente domanda di veicoli elettrici, anche il nichel era in lacrime. Il prezzo è andato oltre i $ 30.000 in una settimana dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina. Si pensava che il gruppo cinese Tsingshan Holding avesse fatto un’enorme scommessa sul fatto che il prezzo del nichel sarebbe diminuito. Il London Metal Exchange ha interrotto le negoziazioni dopo che il prezzo è salito a $ 100.000 a tonnellata, minacciando l’esistenza di molte altre società che avevano scommesso male. Ulteriori aumenti di prezzo sono inevitabili perché la Russia è il terzo produttore di petrolio. Il prezzo del palladio, utilizzato nei sistemi di scarico delle automobili e nei telefoni cellulari, è aumentato vertiginosamente tra i timori che la Russia, il più grande esportatore mondiale di metallo, possa essere tagliata fuori dai mercati globali. Il prezzo del nichel è salito. L’exchange ha provato a riavviare il trading di nichel due volte questa settimana con nuovi limiti di prezzo, ma improvvisi cali hanno causato l’arresto del trading ancora una volta. Il capo del trading della società di metalli con sede a Londra ha affermato che il mercato è rotto.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.