Offrire assistenza in aeroporto ai bambini gravemente malati e alle loro famiglie che, grazie ai voli finanziati dalla Fondazione Flying Angels, arrivano in Italia da tutto il mondo per raggiungere gli ospedali in grado di curarli. È questo l’obiettivo del progetto “Angeli Custodi”, promosso dalla Fondazione specializzata nel trasporto aereo di ragazze e ragazzi bisognosi di cure salvavita non disponibili nei paesi di origine grazie alla collaborazione di ENAC e Assaeroport. La tutela dei diritti delle persone con disabilità e delle persone a mobilità ridotta nel trasporto aereo è inclusa nell’assistenza del progetto “Angeli Custodi”. Una figura di riferimento sarà disponibile presso l’aeroporto di Forl per fornire assistenza ai piccoli passeggeri sui voli finanziati dalla Flying Angels Foundation e dai loro accompagnatori. Veri e propri “angeli custodi”, che sapranno aiutarli ad affrontare eventuali situazioni difficili, ma anche il disorientamento dovuto alla prima esperienza di volo, la mancanza di dimestichezza con le procedure aeroportuali e le barriere linguistiche. Il supporto al check-in, l’accompagnamento al gate di partenza o all’uscita per l’incontro con i rappresentanti delle Onlus che ne prenderanno in carico l’ospedale sono alcuni esempi di possibili interventi. Gli ospedali sono stati in grado di offrire loro cure salvavita dopo che 55 di loro sono transitati per 7 aeroporti italiani. Abbiamo portato all’attenzione di ENAC, Assaeroporti e dei gestori aeroportuali italiani la necessità di disporre di “angeli custodi”, che possano facilitare il transito in aeroporto ai bambini e alle loro famiglie.