Gli ultimi cinque anni sono stati un corso di perfezionamento in politica comparata, perché i tre leader più potenti del mondo hanno adottato misure drastiche per mantenere il potere oltre i termini designati. Le istituzioni, le leggi e le norme americane hanno costretto Trump a cedere il potere alla fine dei suoi quattro anni, nonostante sia i suoi sforzi per screditare i risultati elettorali sia il suo scatenamento di sostenitori per intimidire i legislatori per ribaltare la sua perdita alle urne. La capacità di cambiare rotta, spesso cambiando i leader, e la capacità di esaminare pubblicamente e discutere idee alternative sono alcune delle cose che le democrazie non hanno. Putin ha avuto la possibilità di rimanere in carica fino al 2036, quando gli è stata data la possibilità di candidarsi nuovamente alla presidenza nel 2024. Supponendo di essere rieletto presidente alla sessione dell’Assemblea nazionale del popolo nel 2023, Xi può ufficialmente rimanere in carica per sempre. Deng Xiaoping ha imposto un limite di due mandati consecutivi alla presidenza cinese nel 1982 per impedire l’emergere di un altro Mao Zedong, la cui leadership autocratica e culto della personalità si sono combinati per mantenere la Cina povera, isolata e spesso in un caos violento. La performance di Putin in Ucraina è una pubblicità per i pericoli di avere un presidente a vita che crede di essere indispensabile. O Putin era nutrito di sciocchezze da aiutanti che avevano paura di dirgli la verità o era diventato così sicuro della sua infallibilità da non aver mai messo in discussione se stesso né preparato il suo governo per quella che il suo stesso portavoce ha descritto come una guerra economica “senza precedenti” per via delle sanzioni occidentali. Quando i due leader si sono incontrati all’apertura delle Olimpiadi in Cina, hanno rilasciato un comunicato in cui dichiaravano che l’amicizia tra i due Stati non ha limiti, non ci sono aree di cooperazione “proibite”. La Cina è un grande importatore di petrolio, mais e grano dalla Russia e dall’Ucraina, quindi l’invasione russa ha aumentato i suoi costi per queste e altre importazioni di cibo, contribuendo anche a far scendere il mercato azionario cinese. Ha messo a dura prova le relazioni di Pechino con l’Unione Europea, il principale partner commerciale della Cina. Uno dei cliché più banali della politica estera viene smascherato come una sciocchezza: i leader di Cina e Russia sono così esperti e giocano sempre al gioco delle nazioni come i grandi maestri di scacchi, mentre quegli stupidi americani. Mi sembra che Putin non abbia giocato a scacchi, ma alla roulette russa, e che abbia fatto un buco nell’economia russa perché è rimasto senza fortuna. I presidenti devono soffocare tutte le fonti di dissenso più che mai perché le democrazie disordinate con la loro regolare rotazione dei poteri le stanno superando. Larry Diamond, l’autore di “Ill Winds: Saving Democracy From Russian Rage, Chinese Ambition, and American Complacency”, pensa che l’evoluzione della democrazia in tutto il mondo dalla seconda guerra mondiale abbia attraversato diverse fasi. La democrazia è entrata in una recessione globale dopo due guerre in Medio Oriente e la crisi finanziaria del 2008, mi ha detto Diamond. La Russia potrebbe rivelarsi peggio se non avesse Putin. Se la Russia ha un buon leader, il mondo sarà migliore. Washington ha spiegato ad Hamilton perché si sarebbe dimesso e non si sarebbe candidato per il terzo mandato.