È vero che non solo Facebook, ma tutti i social in generale, sono stati prima rallentati e poi chiusi, tanto che molti utenti russi sono ancora sui social. La rete libera minerà il consenso interno alla guerra di Putin, mentre gli occhi del mondo si concentrano su di essa?. In questo caso, i social media potrebbero essere una porta per far circolare informazioni che non vengono manipolate fintanto che sono visibili. Quelli che non hanno realmente l’interesse ad aggirare le restrizioni sono ciò che il regime russo deve bloccare. I navigatori più assidui sono gli utenti occasionali. È tra gli utenti che raggiungiamo e con cui siamo in contatto da tempo. Non vuole che pubblichiamo il suo nome completo, non è un utente occasionale, naviga e legge anche le notizie pubblicate dai media occidentali, ma non crede quasi a nulla. Il giorno in cui si è diffusa la notizia di migliaia di manifestanti arrestati in Russia durante le proteste per la pace, ci ha detto che era impossibile arrestare così tante persone. È possibile che i social network rompano la bolla della disinformazione?. Chi vuole può vedere che l’operazione è stata smascherata dal fatto che il redditor è un creatore di contenuti, oltre che consumatori e curatori. Il Guardian ha riferito venerdì scorso che TiK Tok funzionerà a due velocità diverse, una in Russia e una nel resto del mondo. Mentre vediamo i contenuti di tutti, in Russia i russi vedono solo i contenuti realizzati dai loro concittadini più una serie di vecchi contenuti che saranno autorizzati di volta in volta. Questa è la prima versione pratica di una Internet divisa che funziona in modo diverso a seconda del contesto in cui la applichiamo. Immagina se ogni social network non avesse più una base globale, ma una base nazionale in cui ogni paese imponesse una serie di propri vincoli. Le tecniche di informazione non sono una prerogativa del solo Putin. Secondo i rapporti dell’Oxford Internet Institute, le campagne di manipolazione dei social media organizzate si svolgono in più di 70 paesi in tutto il mondo. L’Italia è uno dei paesi in cui si sono svolte campagne di manipolazione dei social media organizzate. Il potere delle nostre truppe informatiche non è lo stesso di quello dei regimi autoritari individuati dai ricercatori di Oxford. Il Professor Giglietto, Professore Associato di Internet Studies all’Università di Urbino, è il principale investigatore del “Mapping Italian News – Research Program”. Giglietto studia gli attori dei social media che cercano di manipolare l’opinione pubblica sfruttando le vulnerabilità dei media. Molte delle notizie condivise da queste reti così come alcune delle pagine Facebook coinvolte in comportamenti coordinati, erano già in nero. Il professor Giglietto ci dice che alcune di queste reti stanno entrando rombando in azione anche in questi giorni di guerra. C’è un Network di 7 pagine Facebook che rilancia un sito noto per essere di scarsa qualità con un punteggio di 0 su NewsGuard, che sta diffondendo le bugie di Putin, utilizzando immagini click-bait con link nel primo commento del post. La rete di cui parla Fabio Giglietto è documentata nel loro ultimo reportage. “Se questa rete o qualsiasi altra pagina dice che un giornalista o un personaggio famoso diffonde quella (falsa) notizia e costruisce un meme con la faccia di quell’autore rilasciando la (falsa) notizia, tecnicamente questa roba non viene percepita”. Le reti di disinformazione cercano testimonianze per trasmettere i loro messaggi perché fungono da scudo e sono libere di diffondere informazioni false. “Purtroppo finisce, ei siti rilanciati da queste reti ospitano anche la pubblicità di Google, che quindi guadagna per queste operazioni”, conclude Giglietto. Nel periodo di punta degli sbarchi, alcune delle bufale che si sono tenute corte in Italia stanno tornando di moda altrove. Si tratta di macchine che di volta in volta vengono riciclate sul tema del momento e che hanno in comune l’obiettivo della destabilizzazione di entità come l’Unione Europea. In altri paesi come Cina, Iran o Corea del Nord, è possibile accedere a questo accesso tramite Internet. La Russia ha fatto propaganda nel paese. Dalla rivoluzione ucraina, c’è stato un attivo campo di battaglia di propaganda nel paese. Bisognerà vedere cosa accadrà nelle prossime settimane alla luce dell’episodio devastante per il regime di Putin che lunedì sera ha visto protagonista la direttrice Marina Ovsyannikova che ha fatto irruzione in diretta in prima serata sulla Tv di Stato russa mostrando un cartello. I blocchi possono essere usati per minare la propaganda. Ecco come funzionano le fake news a Mosca.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.