Se deve invocarlo è un generale di corpo dell’esercito, già direttore delle operazioni presso lo Stato maggiore della NATO, e forse vale la pena fermare per mezz’ora il bombardamento di notizie, dispacci e propaganda che arrivano dal fronte per ascoltarlo . Se l’entusiasmo occidentale per le probabili difficoltà incontrate dai russi è spezzato da Antonio Li Gobbi, ufficiale della difesa italiano cresciuto sotto le insegne delle Nazioni Unite e della NATO ma presente in campo anche quando, nel 1999, le forze oggi al contrario. Le informazioni che sono incomplete e distorte da entrambe le parti sono ciò su cui facciamo affidamento. Anche quelli rilasciati dall’intelligence statunitense a sostegno dell’Ucraina sono messi a disposizione per scopi di propaganda poiché gli Stati Uniti non sono neutrali. Non sappiamo quali fossero i veri piani russi e non possiamo essere sicuri che Mosca avesse un piano. L’esercito russo si sta muovendo a un ritmo decente a terra. È vero che la Russia sta combattendo una guerra del ventesimo secolo. Non ho idea di quali fossero i piani del Cremlino. Se l’intenzione fosse stata quella di condurre una “guerra lampo”, l’intera campagna sarebbe stata probabilmente organizzata in modo diverso. Quando è pianificata una guerra lampo, per mesi non vengono eseguite grandi manovre al confine che rendano l’avversario pronto per la difesa. Putin inizialmente impiegava circa 200.000 uomini, una componente importante, ma le sue forze di terra ammontano a 850.000 uomini, contro un esercito ucraino che da solo ammonta anche a quasi 200.000 uomini, ma che può contare su una riserva mobilizzabile di 900.000. Sembra che non sia stato fatto alcun tentativo per ottenere la superiorità numerica, che era d’obbligo per chi attaccava in una guerra “classica”. Gli ucraini hanno un importante vantaggio tattico di “manovrare internamente” perché i russi non hanno concentrato le loro forze per condurre un attacco decisivo. Se la campagna avesse avuto successo, avrebbero affrontato una nazione ostile ancora motivata a combattere. La mia opinione è che i russi stiano cercando di guadagnare un’area di confine per inglobare le aree di lingua russa e per creare una separazione tra loro e la parte dell’Ucraina a loro ostile, ma soprattutto tendano ad occupare l’intera area costiera fino a Odessa. Da questo punto di vista, è possibile che Putin voglia far fuggire la popolazione per rendergliela in futuro ostile. È più facile controllare e gestire le aree occupate che trovare popolazioni ostili. Il biblico movimento retrogrado dei profughi ostacola gli spostamenti delle truppe ucraine che manovrano per difendersi e crea problemi organizzativi non indifferenti all’Ucraina e ai suoi alleati. C’è una tendenza culturale occidentale a sottovalutare i punti di forza di coloro che non hanno i nostri stessi valori o che hanno un livello di civiltà inferiore al nostro. Potrebbe essere, ma potrebbe essere una pericolosa semplificazione eccessiva. Voleva far sapere al popolo occidentale che se vuole fare la guerra con sanzioni, può farlo anche lui. Il pubblico interno concorda sul fatto che rimaniamo una potenza nucleare. Anche se i russi hanno abilità e dottrina, non credo che possano usarla dall’altra parte perché hanno una potenza nucleare. È chiaro che un attacco nucleare russo all’Ucraina corrisponderebbe a una risposta nucleare statunitense, anche se il Paese non fa parte della NATO. Può iniziare una rivolta con i soldati russi?. Il contingente russo in Kosovo nel 1999 era collegato al mio settore e all’epoca i russi operavano sotto la NATO. Potremmo avere resoconti di malcontento nelle grandi città europee, ma cosa sappiamo del resto dei russi che vivono nelle città più piccole o nelle aree rurali?. Non erano così forti, ma non provocarono la caduta del regime. Ci vollero otto anni per la caduta di Mussolini, la perdita di tutti i possedimenti coloniali, tre anni di guerra disastrosa e il bombardamento di Roma. Era giusto che le armi fossero date?. È chiaro dal punto di vista politico che una tale decisione implica un allineamento, o anche se non combattiamo direttamente veniamo considerati nemici da uno dei due. C’è un dispiegamento che ci impedisce di svolgere un ruolo in futuro. È possibile che un tale ruolo possa essere svolto dall’UE nel suo insieme. L’UE non è riuscita a imporsi come arbitro tra Russia e Ucraina in relazione a un conflitto in tutta Europa. Questa è una valutazione politica. La posizione di compromesso assunta dall’UE, sotto la pressione degli USA, è un compromesso tra gli interessi politici e la difesa dei valori etici. L’Europa sarebbe stata meglio se si fosse imposta come punto di riferimento neutrale per i negoziati. Non siamo stati in grado di svolgere un tale ruolo, che sarebbe spettato all’Europa, e quindi è inevitabile rinunciare alle armi per calmare la nostra coscienza. Non affronta il problema ucraino come UE dal 2014, nonostante il fatto che due nazioni europee, Francia e Germania, abbiano avuto un ruolo negli accordi di Minsk. Ci sono persone che pensano che l’espansione della NATO sia una buona idea per gli Stati Uniti perché Varsavia e alcune ex repubbliche sovietiche sono interessate ad aderire. A causa dell’opposizione di Francia e Germania, si parlava di un ingresso con la Georgia nel 2008. I membri della NATO, che ora hanno 30 anni, decidono cosa fare. Non si può dire che ci fosse un piano statunitense con questo in mente. Due dei principali concorrenti degli Stati Uniti su scala mondiale saranno inevitabilmente colpiti da una crisi che coinvolgerà la Russia e indebolirà l’UE. Non è che tu abbia una difesa comune se metti insieme lo strumento. Dobbiamo chiederci cosa vogliamo fare nel Mediterraneo e in Africa se la NATO non c’è. La struttura di comando delle forze nazionali è importante. Il budget della difesa non dovrebbe essere utilizzato per acquistare prodotti dell’industria nazionale che non possono essere venduti all’estero e di cui le nostre forze armate non hanno bisogno. Avrebbe attaccato Kiev se lo avesse voluto.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.