Lo scorso 29 marzo si è svolta a Motta San Giovanni la decima edizione del Premio “Il Minatore d’Oro”. Per mantenere viva la memoria dei quasi quattrocento mottesi morti, che stavano emigrando per lavorare nelle miniere in giro per il mondo, è stato creato questo riconoscimento. Le figure che nel tempo si sono distinte e hanno raggiunto notevoli risultati nel mondo del lavoro, della cultura, della medicina, della ricerca e del sociale sono l’obiettivo di “The Gold Miner”. Gli uomini del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco affrontano ogni giorno la morte e quest’anno hanno ricevuto riconoscimenti per le loro qualità. Il bassorilievo è stato consegnato al capo dei vigili del fuoco. Durante la premiazione l’amministrazione comunale ha ricordato anche Nino Candido, giovane vigile del fuoco di Reggio Calabria ucciso dall’incendio doloso della cascina del Quargnento il 5 novembre 2019, attraverso uno speciale riconoscimento alla memoria, Italo Falcomatà, insegnante, storico, politico e sindaco di Reggio Calabria dal 1993 al 2001 e Cesare Diano, Imprenditore, presidente di Confindustria Calabria e amministratore comunale. È stata una cerimonia ricca di emozione, in memoria di chi ha dato e di chi ogni giorno dà la vita per il bene degli altri, e ringrazio il Sindaco e l’Amministrazione comunale per il compito, che mi ha permesso di partecipare, attraverso la mia arte . Sono stato felice di vedere che la mia realizzazione è stata consegnata ai vigili del fuoco nazionali, i cui uomini mettono a rischio la vita ogni giorno.