Il pannello sta esaminando l’uso dei telefoni masterizzatori da parte della Casa Bianca. Un intervallo di sette ore nei registri delle chiamate del presidente Donald Trump è stato segnalato martedì da un ex consigliere per la sicurezza nazionale. Il Washington Post e la CBS News hanno riferito martedì che il comitato ristretto della Camera che indaga sulla rivolta del Campidoglio del 6 gennaio sta esaminando una lacuna nei registri delle chiamate della Casa Bianca per determinare se Trump ha comunicato attraverso i telefoni dei suoi assistenti o i telefoni usa e getta. Trump ha detto di non essere a conoscenza di cosa fosse un telefono cellulare. Secondo il Post, Trump ha dichiarato lunedì sera in una dichiarazione che non aveva idea di cosa fosse un telefono con bruciatore. In un’intervista con The Post, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale ha affermato che Trump è a conoscenza del termine “telefoni bruciatori”. Secondo il Post, Trump sa cosa significa il termine “telefoni bruciatori” e che glielo racconta nelle discussioni. Un membro del comitato del 6 gennaio ha affermato che la giuria sta esaminando un possibile insabbiamento del record ufficiale della Casa Bianca. Un portavoce di Trump ha detto al Post che Trump non ha avuto un ruolo nei registri delle chiamate della Casa Bianca e presumeva che tutte le sue chiamate fossero state registrate. I registri delle chiamate della Casa Bianca del 6 gennaio sono stati ottenuti dal comitato ristretto della Camera che indaga sulla rivolta del Campidoglio, ha riportato martedì il Post. I registri mostrano che la mattina del 6 gennaio Trump ha parlato con diversi funzionari della Casa Bianca, oltre al suo avvocato personale Rudy Giuliani e ad alcuni membri del Congresso, tra cui Jim Jordan. Non è stata registrata alcuna chiamata effettuata da Trump per sette ore e 37 minuti.