Tra il 15 novembre e il 15 aprile è il momento in cui il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha disposto il cambio gomme estivo. A pena di multa fino a 1.734, è necessario guidare con pneumatici non termici. Questo non dovrebbe essere visto come un’estensione perché l’uso di pneumatici invernali quando le temperature aumentano è sconsigliato. L’uso è stato consentito con riferimento all’ultima riga delle conclusioni della circolare 104/95 del 31/6/1995 degli pneumatici invernali. Quelle non utilizzabili in estate sono quelle che riportano a lato la sigla M+S (Mud + Snow) e una delle lettere in rilievo H, Q, R, S, T, U, V, W, Y, ZR che identifica che l’indice di velocità è inferiore a quello riportato sulla carta di circolazione. La sanzione per l’utilizzo di pneumatici invernali in estate può variare da 422 a 1.734, e può esserci il ritiro della carta di circolazione. Non è consentito guidare con pneumatici invernali. A basse temperature, gli pneumatici invernali offrono più sicurezza. Questi pneumatici devono essere sostituiti quando le temperature aumentano. Gli pneumatici estivi hanno prestazioni migliori in termini di tenuta di strada e frenata perché non si scaldano tanto. L’articolo Il cambio gomme estive va fatto tra il 15 aprile e il 15 maggio: multe fino a 1.734 con pneumatici invernali arriva da Quotidiano Motori