In un’intervista esclusiva a Time, il Primo Ministro della Romania, Nicolae Ciuc, insiste sul fatto di aver svolto un ruolo importante nella difesa dell’Europa e dei suoi valori. Come fermare l’aggressione illegale, non provocata e brutale contro l’Ucraina è la prova più grande dalla fine della Guerra Fredda, secondo un ex generale dell’esercito. Giovedì il primo ministro rumeno sarà negli Stati Uniti per un incontro straordinario della NATO. Il vertice si è tenuto a Bruxelles. Anche se pochi americani riescono a trovare la Romania su una mappa, la nazione di 19 milioni ha un ruolo importante da svolgere all’indomani dell’invasione di Putin. Ciuc dice che non si limitano a dire che sono buoni vicini. È nato nel piccolo villaggio di Plenia, al confine meridionale con la Bulgaria e ha servito come capo delle forze armate rumene dal 2015 al 2019. Dal 2004 la Romania è membro della NATO. Erano passati tre anni. Oltre ad avere il confine terrestre con l’Ucraina più lungo di qualsiasi stato della NATO, la Romania ha anche un confine marittimo con la Russia. Ciuc afferma che la difesa collettiva della regione del Mar Nero, del fianco orientale della NATO e dell’intero spazio euro-atlantico è aumentata in termini di ruolo della Romania. Dice che le sue missioni in Iraq e Afghanistan sono state cruciali per la posizione di sicurezza e difesa degli Stati Uniti e della NATO. Il 23 aprile 2018 Nicolae Ciuca, allora Capo di Stato Maggiore della Romania, ha partecipato a una cerimonia al Memoriale degli Eroi Caduti. Dice che la NATO non serve l’Ucraina o chiunque altro possa trovarsi in un conflitto più ampio. Ciuc ammira il coraggio e la convinzione della sua controparte, ma avverte che una no-fly zone richiederebbe un conflitto tra Russia e NATO e sarebbe un prezzo troppo alto. Dice che la NATO deve evitare di giocare in una logica escalation. Il campanello d’allarme dato ai membri della NATO dalla guerra in Ucraina ha portato a un aumento della spesa per la difesa nell’alleanza. Ciuc dice che la difesa inizia in casa. C’era infelicità con specifici E.U. Stati membri, come Germania e Italia, che si sono opposti all’intera gamma di sanzioni contro la Russia, o che nel tempo sono stati favorevoli a fare affari con la Russia e così hanno sostenuto il regime di Putin”, afferma Oana Popescu-Zamfir, direttore del Think tank Global Focus con sede a Bucarest. La struttura e gli elementi della posizione della NATO dal Baltico al Mar Nero per affrontare la nuova realtà di un massiccio dispiegamento di truppe russe in Ucraina devono essere riesaminati secondo Ciuc. La NATO ha bisogno di prepararsi meglio per il combattimento nel cyberspazio e nello spazio, dice. Fare pressioni sui legislatori e acquistare franchigie sportive sono solo alcune delle azioni ibride. Ciuc afferma che i paesi della NATO dovrebbero essere considerati parte di una più ampia campagna contro i valori ei principi democratici dei loro cittadini. Il rafforzamento delle comunicazioni strategiche dovrebbe essere una parte essenziale dell’adattamento della NATO, afferma Ciuc. La NATO è visibile nelle ossa di Ciuc. Zelensky prevede per gli ucraini e l’Europa un netto contrasto con le esitazioni, la volontà di sacrificare le responsabilità e di evitare decisioni dure e difficili che spesso hanno caratterizzato i rapporti dell’Occidente con la Russia, secondo lui. Per Ciuc è necessario ricostruire la fiducia per la normalizzazione delle relazioni con il mondo. La Russia era un partner prezioso dell’UE, con istituzioni come il consiglio NATO-Russia istituito per approfondire la cooperazione in materia di sicurezza. La Russia è un paese europeo, dice Ciuc. Ciuc dice che Putin ha lasciato poche altre opzioni. Dice che il presidente Zelensky e l’intera Ucraina stanno facendo la loro parte.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.