C’è un’intervista esclusiva all’autore e un’anteprima del libro tratto dal capitolo sulla libertà di stampa in Russia. Molti giornalisti stanno cercando di lasciare il Paese perché non hanno futuro in Russia. Gli anziani sostengono quella che Putin chiama “operazione speciale” in Ucraina e nel resto della guerra mondiale. È chiaro dai loro articoli che la libertà di stampa è finita in Russia. Possibile che adesso Putin stia gestendo i rapporti con i media nel suo Paese?. Putin ha iniziato a combattere contro la stampa quando è salito al potere. La Russia aveva pochi media liberi prima dell’inizio della guerra in Ucraina. Il Cremlino era preoccupato che potessero fornire informazioni che non erano legate alla guerra. La TV pubblica trasmette 24 ore al giorno su come i russi stanno liberando l’Ucraina dai nazisti. I giornalisti inventano storie che soddisfano la volontà del regime. Racconta nel libro di aver lavorato per molti anni nella redazione del giornale di Mosca in attesa degli attacchi di Stato che hanno preceduto la guerra cecena. Il Primo Ministro ha usato questi attacchi per iniziare una seconda guerra in Cecenia. Il suo indice di gradimento è passato dal 2 al 78 percento in due mesi a seguito della guerra. Quando Eltsin convocò il Consiglio di sicurezza alla fine del 1994 per approvare il dispiegamento di forze in Cecenia, NTV aveva già inviato quattro troupe televisive per seguire il conflitto. La guerra è arrivata nelle case con i suoi dettagli agghiaccianti perché la maggior parte dei giornali aveva uno o più corrispondenti nella zona. “Vyacheslav Izmailov, un ex maggiore che era corrispondente in Cecenia per il quotidiano indipendente Novaya Gazeta e ha usato la sua passata esperienza militare per aiutare le autorità a liberare i prigionieri, mi ha detto che non potevano prendere misure contro di noi”. I miei colleghi russi che hanno seguito la prima campagna cecena mi hanno detto che l’accesso alle informazioni è stato relativamente facile, anche se la guerra è stata brutale. La Russia è stata sconfitta su due fronti dalla copertura della guerra, secondo molti esperti. Le immagini dei federali che bruciavano vivi nei carri armati, i corpi dei ceceni legati con filo spinato e trascinati da veicoli blindati nelle fosse comuni avevano scioccato il pubblico, che era sempre più critico nei confronti di Mosca. La prima guerra cecena si concluse con un accordo che riconosceva l’indipendenza della repubblica. La Russia ha inviato le sue truppe in Cecenia dopo che Putin è diventato primo ministro. L’invasione del Daghestan da parte degli uomini di Khattab e Basayev ha dato origine al pretesto per violare il trattato di Khasavyurt. I ceceni sono stati accusati degli attacchi del settembre 1999 che hanno ucciso più di trecento persone. Putin era determinato a non ripetere l’errore della prima guerra cecena, in cui nessuna notizia sarebbe dovuta uscire dai combattimenti. Il presidente della presidenza era a portata di mano e l’ex agente del KGB non voleva che si passasse alla libertà di parola. Molti media stavano già lavorando al progetto Putin e la copertura della guerra in Cecenia non è stata male per lui, se lo sconosciuto ex agente dell’odiato KGB è diventato un eroe popolare e il suo indice di gradimento è aumentato in due mesi. NTV, il quotidiano Segodnya e il settimanale It’ non trasmettevano gli spettacoli di Putin, ma servivano al Cremlino. Putin ha invitato alla Casa Bianca i direttori dei principali giornali e canali televisivi russi per un tè e per dimostrare i benefici che avrebbero se si schierassero dalla sua parte. La NTV ei giornali di Gusinsky non accettarono, ma gli altri scelsero i vantaggi della collaborazione con il potere politico a scapito dell’indipendenza e della libertà di critica. Per NTV e giornalisti indipendenti era in vigore il più assoluto divieto di accesso alle zone di guerra, esteso anche ai giornalisti stranieri al confine della Repubblica cecena. La prima cosa che le autorità hanno fatto è stata bloccare ogni tipo di notizia che proveniva dalla Cecenia e impedirci di entrare nel territorio di guerra. Era difficile ottenere informazioni dai soldati comuni, anche se era facile parlare con loro. La Cecenia e il dolore del suo popolo, costretto a subire una nuova guerra, erano diventati per lei una ragione di vita. Mi disse che dall’inizio del conflitto ceceno i giornalisti erano diventati nemici, come i combattenti ceceni, se non peggio. Ai tempi di Eltsin l’opinione pubblica contava, ma ora sembra che tutto l’odio verso i giornalisti stia venendo fuori. Le persone stavano morendo e come stavano. Sapevamo che le più terribili violazioni dei diritti umani sono avvenute per mano dei nostri militari, ma pochi si sono presi dei rischi e ne hanno scritto. L’opinione pubblica era favorevole alla guerra. La libertà di stampa è davvero finita “viene da Il Fatto Quotidiano”, per via dell’uomo venuto dal buio.