Si sente molto parlare di moda sostenibile, ma cosa significa e quando si può davvero dire un marchio o un prodotto sostenibile?. Non solo, le maison hanno sentito il bisogno di un cambio di rotta, con diversi brand del lusso che investono nella ricerca di nuovi materiali e puntano anche sulla riscoperta e valorizzazione dei propri archivi storici per puntare sul valore senza tempo del prodotto. Anche se il numero medio di volte in cui indossiamo abiti è diminuito, la produzione di abbigliamento è quasi raddoppiata negli ultimi 15 anni, secondo una recente ricerca della Ellen MacArthur Foundation. Ha parlato con noi l’autore del libro “Conscious fashionists” e ideatore di 4sustainability, il sistema e il marchio che certifica le performance sostenibili della catena della moda e del lusso. Il settore della moda ha avviato una transizione che procede lentamente e in modo disomogeneo. È un periodo storico in cui i marchi fashion & luxury hanno una grande responsabilità, da leggere anche, secondo me, come una bella opportunità: quella di stimolare il consumatore, attraverso la progettazione e la produzione dei capi, alle scelte di acquisto (e di stili di vita) consapevoli. Anomalie del passato come la sovraproduzione, l’elevato impatto ambientale del settore e un’equa distribuzione del valore sono state enfatizzate dal Covid. Uno dei driver fondamentali di questa ripresa è senza dubbio la sostenibilità, che dobbiamo garantire con sempre maggiore competenza, sia fatta sul serio, attuata con metodo e scientificamente misurata, per non diventare green e social washing. Molti dei costi e degli investimenti necessari per far fronte all’impatto della pandemia si sono spostati a monte, il che ci preoccupa di più. Non sempre il mercato riconosce l’importanza della filiera produttiva e di fornitura, chiamata a fare investimenti sostanziali e assolutamente necessari. Una ricerca che abbiamo condotto l’anno scorso ha mostrato che le aziende che adottano quadri di implementazione per progetti sostenibili sono più resilienti e generano più valore. La sfida è fare in modo che sempre più marchi si convertano alla produzione sostenibile: maggiore è il numero e più armonizzano la loro azione, meglio la filiera sarà in grado di sostenere gli investimenti. Nelle ultime settimane abbiamo assistito a una fashion week inevitabilmente sottotono: doveva essere il segno della ripartenza ma non è stato così: perché la carta sostenibile può rappresentare una svolta importante in questo momento per il mondo della moda?. Quando 4sustainability era veramente un pioniere, aveva senso parlare di sostenibilità come opzione, ma ora è un percorso necessario e questo va detto subito per onestà intellettuale. Il modo in cui verranno realizzati i progetti farà la differenza d’ora in poi. Oggi abbiamo metodi e strumenti per lavorare su tutte le dimensioni chiave dell’abitare sostenibile: l’eliminazione delle sostanze chimiche tossiche e nocive dai cicli produttivi, la riduzione dei consumi di acqua ed energia e delle emissioni in atmosfera, una cultura. 4sustainability è un sistema di brand innovativo sviluppato per supportare le aziende manifatturiere della moda nella realizzazione di iniziative sostenibili. Per rendere il nostro sistema più strutturato, coerente e focalizzato sui dati di filiera, abbiamo impostato un percorso evolutivo. L’industria della moda può ridurre il proprio impatto sociale e ambientale, ma deve agire in modo metodico. Più precisamente, deve: definire una strategia che affronti la questione in modo sistemico, orientandosi anche a produrre meno, ma meglio; scegliere fornitori capaci di realizzare le stesse scelte di sostenibilità con azioni concrete e misurabili, supportandoli e valorizzandoli nei loro percorsi anche attraverso partnership ad hoc; stimolare il consumatore ad effettuare un acquisto consapevole, cioè focalizzato su informazioni credibili sulla sostenibilità, modelli di consumo più orientati alla durata del prodotto, al suo recupero, riutilizzo o riciclo; fungere da stimolo e sostegno per le istituzioni e le ONG affinché tutti gli sforzi siano orientati nella stessa direzione. Qual è l’impatto economico di una filiera sostenibile?. Il primo passo del nostro lavoro con le aziende è una prima analisi sostenibile, in cui scattiamo un quadro della situazione di partenza per definire i punti di forza e di debolezza e le priorità di azione. L’attrazione di competenze e talenti per l’innovazione e l’efficienza è uno dei vantaggi che già ha chi ha iniziato il percorso. Alcuni grandi marchi del lusso hanno iniziato a mappare le proprie filiere produttive, senza fermarsi all’anello con cui hanno rapporti di vendita diretta ma arrivando a subfornitori, subfornitori e fino alla materia prima. Il nostro sistema è ricco di processi e know-how, e il fatto che la normativa leghi il concetto di Made in Italy solo a una parte della produzione del bene è dire poco. Il gioco di guidare il sistema moda verso modelli di produzione più etici si gioca soprattutto sul fronte industriale e normativo, le aziende devono innovare e collaborare tra loro per sviluppare soluzioni idonee ad informare correttamente il consumatore, fornendogli strumenti semplici per comprendere il differenza con cui passa tra un capo. Da un’indagine emerge che il 42% dei giovani tra i 18 ei 25 anni sente il bisogno di indossare abiti diversi ogni volta che esce di casa. Negli ultimi anni molti colossi della moda hanno lanciato forti segnali con scelte concrete a favore dello Stabilimento. Non faccio nomi né distinguo tra lusso e fast fashion, ma posso testimoniare che diversi grandi marchi internazionali si stanno impegnando a cambiare modello di produzione. Non esiste prodotto sostenibile senza processi sostenibili, quindi il coinvolgimento dei fornitori è essenziale. I distretti tessili e della moda italiani sono di gran lunga i più avanzati al mondo ed è evidente che la filiera risponde in modo straordinario all’engagement dei brand. Quando riducono l’impatto ambientale e sociale del modello produttivo, lo fanno una volta per tante, motivo per cui il loro lavoro sulle filiere è un esempio per molti altri operatori del mercato. Quali sono i passaggi chiave della filiera in cui interviene per renderla più sostenibile?. Oltre al protocollo 4s CHEM, di cui ho già parlato, lavoriamo sulle altre cinque dimensioni chiave dello sviluppo sostenibile, in linea con gli obiettivi della Global Fashion Agenda. Non esiste prodotto sostenibile senza processi sostenibili e i marchi di lusso hanno una grande responsabilità.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.