La disciplina del primo trasferimento gratuito e dei due in ambiente controllato è stata coordinata con le disposizioni del decreto Sostegni ter. Al fine di tutelare la fiducia dei contribuenti, alla luce delle molteplici modifiche alla disciplina del trasferimento del credito per bonus casa, super bonus e bonus Covid, per le prime opzioni comunicate entro il 16 febbraio, il credito potrà essere trasferito ancora una volta a qualsiasi materia, e poi due volte a materie qualificate. Quando le prime vendite vengono comunicate all’Agenzia entro il 16 febbraio 2022, situazione per la quale viene concesso un ulteriore incarico a qualsiasi soggetto, la regola dei due incarichi si applica esclusivamente ai soggetti abilitati. Le vendite successive alle prime comunicate a partire dal 17 febbraio saranno possibili con l’opzione di due ulteriori transazioni. C’è un nodo di coordinamento tra le regole inizialmente previste dal decreto Sostegni ter, che stabiliva la possibilità di un’unica cessione del credito, e le nuove disposizioni del decreto frode n. Per mettere ordine nel caos causato dal susseguirsi di interventi in ottica antifrode, esiste una FAQ pubblicata dall’Agenzia delle Entrate. Un mancato coordinamento normativo su cui ora interviene il chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate, che al fine di tutelare la fiducia dei contribuenti ed evitare la parità di trattamento alla luce del tira e molla normativo, consente la cessione del jolly credit per comunicazioni inviate nel periodo transitorio. Le prime opzioni per la cessione del credito o dello sconto sulla fattura comunicata all’Agenzia delle Entrate nel periodo transitorio saranno riconosciute entro il 16 febbraio 2022, secondo le FAQ dell’Agenzia delle Entrate. Alla luce delle regole delle tre operazioni introdotte dal d.lgs. n., la vendita già comunicata nel periodo bridge non viene bruciata. Saranno consentiti tre trasferimenti, il primo gratuito e gli ulteriori due in ambiente controllato, per le opzioni comunicate dopo il periodo transitorio, e quindi dal 17 febbraio, e prima dell’entrata in vigore delle nuove regole antifrode. Dopo aver optato per il bonifico gratuito, saranno disponibili altri due bonifici a favore di banche e altri soggetti qualificati. Dopo che le due transazioni supervisionate rimarranno disponibili, il credito sarà concesso a qualsiasi persona.