BNY Mellon, una banca di New York che tiene traccia e detiene attività per molte grandi istituzioni, potrebbe perdere fino a $ 200 milioni di entrate quest’anno poiché interrompe i nuovi affari in Russia e rispetta una serie di sanzioni imposte dalle nazioni occidentali volte a paralizzare il l’economia della nazione. La società ha interrotto nuove attività in Russia e sospeso gli acquisti di gestione degli investimenti di titoli russi. La banca prevede di perdere circa 100 milioni di dollari di entrate in questo trimestre come risultato della collaborazione con clienti multinazionali che dipendono dai loro servizi di custodia e archiviazione. Le entrate potrebbero diminuire di altri $ 80 milioni a $ 100 milioni per il resto dell’anno. BNY Mellon, la più grande banca depositaria degli Stati Uniti, è una delle numerose banche americane che hanno dichiarato che smetteranno di fare affari con la Russia a causa delle sanzioni economiche contro il paese. Le banche occidentali si sono ritirate dalla Russia negli ultimi anni dopo l’annessione della penisola della Crimea. Le società finanziarie avranno difficoltà a districare i legami con l’economia russa a causa della natura del commercio globale.