La foto tedesca di Campbeltown è stata inserita nel cancello del bacino di carenaggio. Dopo l’01:00 del 28 marzo 1942, un cacciatorpediniere battente bandiera tedesca e 18 barche più piccole entrarono nell’estuario della Loira e si diressero verso il porto di St. La missione era distruggere il bacino di carenaggio per impedire ai tedeschi di usarlo per riparare la corazzata. Gli inglesi erano sopravvissuti alla battaglia d’Inghilterra e avevano aperto un secondo fronte in Nord Africa nella primavera del 1942, ma si trovavano ancora ad affrontare una situazione disperata. Gli inglesi decisero di distruggere l’unico posto dove si potevano fare grandi riparazioni. Gli inglesi usarono il cacciatorpediniere Campbeltown e 18 lanci a motore. I macchinari del bacino di carenaggio e altre strutture portuali sarebbero stati distrutti prima dello sbarco dei lanciatori. Gli esplosivi su Campbeltown hanno distrutto il cancello e allagato il molo. Il 28 marzo 1942, la Campbeltown della Royal Navy si schiantò contro il molo della Normandie. Dopo essere stata scortata in Francia da altri cacciatorpediniere della Royal Navy, la forza si è fatta strada nell’estuario della Loira e ha utilizzato un codice tedesco catturato per ingannare i difensori del porto. I tedeschi su entrambi i lati dell’estuario aprirono il fuoco, uccidendo decine di soldati e marinai britannici e affondando diversi motoscafi. Le pompe e i meccanismi operativi del bacino di carenaggio sono stati distrutti dai sopravvissuti. Il cacciatorpediniere è esploso mentre i soldati tedeschi hanno ispezionato Campbeltown e i danni al bacino di carenaggio. La detonazione è avvenuta con ore di ritardo, ma ha distrutto il cancello e ucciso decine di tedeschi. Il bacino di carenaggio fu così danneggiato che non sarebbe stato riparato fino a dopo la guerra e gli inglesi lo affondarono il 12 novembre 1944.