Il presidente russo Vladimir Putin e il primo ministro indiano Narendra Modi si salutano prima del loro incontro a Nuova Delhi, in India, il 6 dicembre. New Delhi vuole mantenere le sue relazioni con la Russia. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato, 141 contro 5, su una risoluzione che condanna la Russia per aver invaso l’Ucraina. Nonostante le sanzioni dell’Occidente contro Mosca, l’India è in trattative per acquistare petrolio russo a prezzo scontato. Mantenere la sua amicizia di lunga data con la Russia, anche se si avvicina sempre di più agli Stati Uniti e ai suoi partner, ha sempre comportato un’equazione complicata. Il rapporto tra l’India e l’Unione Sovietica è stato forgiato durante la Guerra Fredda. È arrivato ai giorni nostri a causa della nostalgia e dell’interesse reciproco. L’India e gli Stati Uniti hanno approfondito la loro collaborazione negli ultimi anni a seguito dell’ascesa della Cina; L’India è un membro del “Quad” (insieme a Stati Uniti, Australia e Giappone), un’alleanza informale nata circa anni fa ma che le amministrazioni Trump e Biden hanno cercato. Secondo un analista senior della difesa presso la RAND Corporation, l’India può davvero isolare le relazioni. Secondo quanto riferito, il primo ministro Modi ha parlato sia con Putin che con Zelenskyy dopo l’invasione, augurando la fine delle ostilità e un ritorno al dialogo. L’ordine globale è ancorato al rispetto dell’integrità territoriale e della sovranità di tutti gli stati, secondo una dichiarazione dell’ambasciatore indiano presso le Nazioni Unite. Il conflitto di Putin minaccia di avvicinare ancora di più Mosca a Pechino e potrebbe mettere alla prova l’approccio di politica estera dell’India. Mentre siamo con gli Stati Uniti su alcuni aspetti del conflitto, comprendiamo anche alcune delle preoccupazioni che la Russia ha al suo interno e, pertanto, non vogliamo andare contro nessuno dei due. Secondo un professore di scienze politiche all’Università dell’Indiana Bloomington, gli Stati Uniti stavano cercando di aprirsi alla Cina con il Pakistan come intermediario, e sia l’URSS che l’India vedevano un interesse comune nell’equilibrio contro la Cina. Gli esperti hanno affermato che il patto di amicizia con la Russia era vicino a un’alleanza poiché l’India era abbastanza a suo agio. Una politica estera di non allineamento è stata praticata dall’India durante la Guerra Fredda. I paesi non allineati hanno cercato di rimanere fuori dal conflitto tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti in modo da poter gestire la propria politica estera e interna. La Russia ha realizzato i due terzi delle importazioni di armi dell’India dal 2010. Negli ultimi 10 anni, gli indiani hanno cercato di ridurre la loro dipendenza dalla Russia. Deepa Ollapally, politologo specializzato in politica estera indiana alla George Washington University, ha affermato che non è possibile interrompere gli acquisti adesso. Si tratta di fare affidamento sulle armi russe in un momento in cui l’India deve affrontare molteplici minacce alla sicurezza. Se gli Stati Uniti dichiarano che includeranno l’India nell’AUKUS, sono sicuro che le relazioni con la Russia inizieranno a diminuire. L’India vuole bilanciare le sue partnership, nel mondo e nei suoi vicini, e vede il valore in una Russia che dà potere come un modo per prevenire il dominio cinese nella regione. Ollapally ha affermato che l’India era preoccupata per il collasso della Russia e il suo diventare uno stato molto debole nel sistema globale perché preferiva un sistema globale multipolare. Kugelman ha detto che l’India non era pronta a rivoltarsi contro la Russia a causa delle sue potenti affinità. La politica estera indiana è messa alla prova dagli ucraini. La nostalgia è una cosa potente nelle relazioni India-Russia, ma il conflitto in Ucraina potrebbe sfidare quel legame in modi imprevedibili. In Himalaya, dove una decennale disputa di confine con la Cina rimane una seria fonte di tensione, almeno 20 soldati indiani sono morti in una riacutizzazione del 2020. Dopo che almeno 20 soldati indiani sono stati uccisi il 16 giugno 2020, la disputa sul confine tra India e Cina è diventata mortale per la prima volta in quasi mezzo secolo. Putin ha fatto visita al leader cinese a Pechino in vista dell’invasione dell’Ucraina. Fonti dell’intelligence occidentale hanno affermato che Putin potrebbe aver pianificato la sua guerra intorno ai Giochi di Pechino su richiesta di funzionari cinesi. L’isolamento economico della Russia potrebbe spingere Putin più vicino alla Cina, poiché la Russia cerca un mercato, qualsiasi mercato, per i suoi beni. Il Cremlino ha negato che Mosca abbia chiesto assistenza militare ed economica alla Cina. L’India vede la Russia come un potenziale partner nella regione, ma maggiore è l’influenza che la Cina ha sulla Russia, meno è probabile che ciò accada. Gli Stati Uniti sarebbero più importanti per l’India se Cina e Russia fossero più vicine. Anche se i Quad sono visti come un’amicizia tra partner democratici, gli Stati Uniti non sembrano essere sorpresi dalla posizione dell’India. Gli Stati Uniti vogliono che l’India sia in grado di sfruttare le sue strette relazioni con la Russia in un modo che la aiuterebbe a servirla. Secondo quanto riferito, Modi ha detto a Zelenskyy di essere disposto a contribuire in qualsiasi modo agli sforzi di pace, il che potrebbe dare all’India la possibilità di affermarsi sulla scena globale mentre la crisi ucraina scuote il mondo intero.