Ricostruire la cronologia delle telefonate, delle comunicazioni e dei movimenti del presidente Donald Trump è un obiettivo chiave. Il Washington Post e la CBS hanno ottenuto e riportato i registri delle chiamate e i registri della Casa Bianca protetti dal Comitato martedì, documenti che forniscono la cronologia più completa delle telefonate conosciute di Trump prima e dopo le rivolte. I registri ufficiali delle chiamate della Casa Bianca mostrano che c’era un intervallo di sette ore tra le 11:17 e le 18:54, durante le quali Trump ha pubblicamente fatto pressioni sul vicepresidente Mike Pence per ribaltare i risultati delle elezioni del 2020 al Congresso. Secondo i registri e i registri ufficiali delle chiamate della Casa Bianca ottenuti dal comitato del 6 gennaio e riportati da The Post e CBS, Donald Trump ha parlato a una manifestazione all’Ellipse il 6 gennaio 2021. Trump ha parlato con “una persona non identificata”. Un documento degli archivi nazionali mostra che Trump ha parlato con un senatore per tre minuti. Trump ha parlato alla manifestazione “Save America” ​​all’Ellipse a mezzogiorno ed è tornato alla Casa Bianca alle 13:20, secondo i registri della Casa Bianca. Il centralino della Casa Bianca informa Trump delle chiamate in sospeso di diverse persone. Secondo CBS e The Post, i registri ufficiali delle chiamate della Casa Bianca non mostrano le chiamate del 6 gennaio. I registri delle chiamate della Casa Bianca non registravano la chiamata di Trump a Lee da un numero di telefono ufficiale della Casa Bianca. Mentre si trovava nello Studio Ovale, la CNN ha riferito che Trump ha effettuato chiamate direttamente dal suo cellulare e non dal centralino ufficiale della Casa Bianca. Le sue chiamate dallo Studio Ovale nel pomeriggio del 6 gennaio non sono state visualizzate nei registri delle chiamate della Casa Bianca. Molly Michael, che era l’assistente esecutiva di Trump, era fuori carica per la maggior parte del 6 gennaio quando è arrivata al lavoro. Il Comitato sta esaminando se Trump abbia utilizzato i telefoni degli assistenti, i telefoni dei masterizzatori e altri canali secondari per effettuare e ricevere chiamate il 6 gennaio che non sono documentate nei registri e nei registri ufficiali delle chiamate della Casa Bianca.