La Stazione Spaziale Internazionale si è trasformata da simbolo di cooperazione tra Russia e Occidente a strumento di minaccia in breve tempo. Dobbiamo pensare agli astronauti che ancora lavorano e vivono nella stazione spaziale, anche se la permanenza nella stazione spaziale fino al 2030 sembra un’utopia. Il ritorno di Mark Vande Hei sulla Terra il 30 marzo è stato messo in dubbio a causa del futuro incerto della stazione. L’attività degli astronauti della Nasa a bordo della Stazione Spaziale Internazionale era stata prolungata di alcuni mesi per permettergli di effettuare alcuni esperimenti. Dovrebbe tornare a casa entro la fine del mese in compagnia dei cosmonauti Pyotr Dubrov e Anton Shkaplerov. Alcuni avevano pensato che la Russia non avrebbe permesso agli americani di salire sullo space shuttle perché non avrebbero avuto abbastanza spazio per due persone. Questo tema è entrato nella propaganda del Cremlino. È vero che il numero uno dell’agenzia spaziale russa non si è occupato di tranquillizzare la gente, ma è anche vero che i media hanno esagerato la notizia. Ha minacciato di far crollare la Stazione Spaziale Internazionale in Europa o negli Stati Uniti, poi ha condiviso un video degli astronauti sulla stazione spaziale, e poi ha mostrato una rappresentazione delle relazioni tra Russia, Ucraina e NATO con Tom e Jerry.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.