Quanto è fuorviante cercare di capire quali sono i nuovi equilibri internazionali e come sono diversi dal periodo della Guerra Fredda, che è più complesso di quanto pensi?. C’erano molti riferimenti tra la seconda guerra mondiale e la guerra fredda nei discorsi di Zelensky. Non esiste uno scopo strategico nel senso pieno del termine. Il punto politico è includere l’Ucraina nella famiglia delle democrazie occidentali e penso che questo sia un modo più politico di operare. È importante ricordare che ci sono paesi neutrali nell’UE. Le differenze tra UE e NATO tornano sempre non appena finisce una guerra o un’emergenza di sicurezza. Zelensky ha bisogno di coltivare il terreno del simbolico, di far crescere un vocabolario di identificazione comune, sia per un futuro percorso di ingresso nell’UE, sia nella proiezione di futuri negoziati di pace. È solo uno stratagemma della Russia per capire fino a che punto possiamo spingerci e cosa è disposto a fare l’Occidente?. Credevo che con questo dispiegamento delle forze armate si volesse costruire una forma di ricatto diplomatico all’Ucraina e indirettamente all’Occidente, per ottenere un tavolo negoziale su alcune questioni come il riconoscimento formale dei ribelli nell’est. Se il ragionamento strategico si sposta sulla conquista di una parte o di tutta l’Ucraina, qualcosa non va: da un lato le operazioni militari sarebbero state organizzate meglio, e dall’altro la Russia ha più da perdere che da guadagnare da questi conflitti . L’idea strategica che questo servisse a consolidare il potere interno e ad aumentare gli spazi di alleanza con la Cina è ciò con cui sono scesi in campo. Il New York Times riferì nel 1997 che George Frost Kennan, una figura chiave nella Guerra Fredda e creatore della “politica di contenimento” dell’espansionismo sovietico, scrisse che l’espansione della NATO sarebbe stato l’errore più fatale degli Stati Uniti. A poco a poco si è allargato verso i paesi baltici, Slovacchia, Polonia, sempre più vicino alla Russia e questi passaggi hanno influenzato la ripresa di un forte nazionalismo russo che ha chiaramente un ruolo evidente nel conflitto odierno, anche se non sappiamo quanto pesi. Non posso dire quanto sia stato un errore diplomatico perché gli scenari devono essere tenuti a mente. L’analogia della guerra fredda non va bene. La prima importante differenza è che gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica credevano entrambi nei propri modi di progredire nel mondo. L’elemento ideale è più sfocato ora che si tratta di un conflitto di potere. Questo si vede anche nel discorso occidentale che si oppone alla democrazia con un fronte autoritario. L’articolo “Questa non è una nuova guerra fredda, oggi è un conflitto tra poteri con ideali sfumati” è stato scritto dallo storico Romero.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.