Era una canzone rap che ha catturato l’attenzione degli americani all’inizio della pandemia, con un ritornello di “I’m bored in the house, and I’m in the house bored” apparso in milioni di video su TikTok. La maggior parte di loro mostra persone in uno stato di paranoia. Il signor Ryan non è associato alle persone di TikTok. I suoi argomenti di discussione tendono a concentrarsi sul rilancio della produzione americana, piuttosto che sul definanziare la polizia. Ben presto, pubblicò per proprio conto, condividendo video dei suoi discorsi in sala e delle sue opinioni sulla legislazione sulle infrastrutture, supportato dal suono di “All Too Well” di Taylor Swift. Il signor Ryan ha detto che ha iniziato a vederla come un’opportunità per parlare a un pubblico che non stava guardando talk show politici o leggendo le notizie. Quest’anno corre per il seggio aperto al Senato dell’Ohio e pensa che TikTok potrebbe essere una parte cruciale della gara. Da allora, un numero enorme di offerte politiche ha sfruttato il potere delle piattaforme social, attraverso video di annunci drammatici su YouTube, dibattiti su Twitter, Reddit AMA, chat al caminetto su Instagram Live e altro ancora. L’ordine è stato revocato la scorsa estate dal presidente Biden. Il senatore Marco Rubio della Florida ha cancellato il suo account dopo poco tempo sull’app. Adam Segal è il direttore del programma Digital and Cyberspace Policy presso il Council on Foreign Relations. Le persone sono state incoraggiate a registrarsi per una manifestazione a sostegno dell’ex presidente Donald Trump come scherzo. Le case di propaganda politica che sono diventate popolari su TikTok sono state indicate da un professore associato di comunicazione al Teachers College, Columbia University, che ha studiato i giovani e l’espressione politica sui social media. La signora Literat ha affermato che i giovani esperti politici su entrambi i lati della divisione ideologica hanno avuto molto successo nell’usare TikTok per raggiungere il rispettivo pubblico. Molti dei politici attivi su TikTok sono democratici o indipendenti di sinistra, tra cui il senatore Jon Ossoff della Georgia e i sindaci di due delle più grandi città americane. Secondo i dati e i documenti interni dell’azienda esaminati dal New York Times nel 2020, i giovani tendono a essere liberali e la piattaforma ha un’ampia percentuale di utenti giovani. TikTok non darebbe i dati demografici attuali al Times. Il signor Wilson ha detto che se un democratico si candida a una carica, sta cercando di convincere i giovani elettori a sostenerlo. “Quando scrivo su TikTok, è perché mi diverto online e parlo con i miei amici delle cose a cui tutti teniamo”. Dafne Valenciano, una studentessa universitaria della California, è una fan dell’account TikTok di Mr. Ossoff. Aveva contenuti divertenti e ha esortato i giovani elettori ad andare alle urne. Molti dei video pubblicati dal signor Ossoff, 35 anni, che ha capelli castani e un bell’aspetto da ragazzino, sono stati interpretati erroneamente dai suoi fan come trappole per la sete. In un post che celebrava i suoi primi 100 giorni in carica, un altro scrisse che il signor Ossoff era un re fiducioso. I politici non possono promuovere gran parte dei loro contenuti a utenti specifici perché la pubblicità politica non è consentita sulla piattaforma. L’app spinge i video di tutto il mondo nei feed degli utenti, rendendo difficile per i candidati raggiungere coloro che potrebbero effettivamente votarli. Daniel ha detto che vede i post di politici di altri stati nel suo feed TikTok, ma che non voterà mai per qualcuno di un altro stato. Voleva incoraggiare i giovani a candidarsi in ufficio, quindi ha creato video di lei che parlava alla telecamera. A quel tempo, uno studente delle superiori e ora uno studente universitario dell’Università del Kansas, iniziò a notare i video della signora Haswood. Ha contattato la signora Haswood per colmare il divario tra un politico che cerca di espandere la propria portata e persone come il suo io giovane e adolescente. Un video deve trovare un equilibrio tra divertente ma non imbarazzante; low-fi senza sembrare sbadato; e alla moda ma innovativo, portando qualcosa di nuovo nella pergamena. Il video è un remake di “Love Story” di Taylor Swift e segue una tendenza in cui gli utenti di TikTok allontanano la telecamera da se stessi. Diversi politici con un ampio seguito di TikTok, tra cui Matt Little (un ex membro liberale del Senato del Minnesota) e Joshua Collins (un socialista che si candidò per il rappresentante degli Stati Uniti a Washington), hanno perso “abbastanza male – nelle rispettive elezioni”, la signora Literat ha detto, “quindi tecnicamente non hanno avuto successo da una prospettiva politica”. Il comportamento dei giovani elettori in particolare può essere difficile da prevedere.