Otto giorni prima del primo turno delle elezioni in Francia, il leader del Paese, Emmanuel Macron, ha tenuto la sua prima manifestazione alla periferia di Parigi. L’iniziativa elettorale è stata ritardata a causa della guerra in Ucraina, che ha tenuto lontano dalla corsa il candidato En Marche e se all’inizio gli impegni internazionali sembravano averlo aiutato a consolidare il vantaggio sugli avversari, ora la paura dello staff. Gli ultimi sondaggi mostrano che il leader è sotto, ma è ancora in testa, e che è schiacciato dall’andamento del voto di Marine Le Pen. 35.000 persone hanno assistito all’evento elettorale al Palasport della Défense Arena di Nanterre, alle porte di Parigi. Coloro che bombardano la democrazia a poche ore da Parigi sono stati evocati dal candidato alla presidenza in apertura del grande raduno. Dopo che alcuni fischi si sono alzati dagli spalti, il presidente li ha messi a tacere con la mano e ha detto “Siamo tutti insieme e nessuno fischia”. Le riforme attuate dall’inizio dell’anno comprendono la riforma del settore dell’istruzione, l’aumento del bilancio della giustizia e la deindustrializzazione. Il presidente ha detto che se sarà rieletto vorrebbe avere la piena occupazione in cinque anni. Nel mezzo del suo discorso, ha reso omaggio a sua moglie e l’assemblea si è alzata. “Ringrazio coloro che non hanno scelto questa vita, ma che mi sono vicini ogni giorno”, ha detto il francese. Brigitte, in piedi anche tra il presidente dell’Assemblée Nationale Richard Ferrand e il premier, Jean Castex, ha sorriso a tutti dicendo solo “merci” mentre Macron la baciava dal palco con la mano. Ci sono persone che bombardano la democrazia a poche ore da qui.

You may also like

Crotone

Il progetto si propone di supportare i malati di Alzheimer e le loro famiglie nell’organizzazione ...

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *