Ci sono decisioni di moderazione dei contenuti più dirette riguardo alla guerra della Russia contro l’Ucraina. Meta non è estraneo alle critiche, incluso il modo in cui controlla e modera i post sulla sua piattaforma. La moderazione dei contenuti sulle piattaforme Internet è diventata sempre più un’arma in punti di discussione politici negli ultimi mesi, poiché gli esperti di destra denunciano che aziende come Facebook censurano le voci conservatrici su qualsiasi cosa, dalla pandemia di COVID-19 alle divisioni elezioni presidenziali statunitensi del 2020. La condanna universale riscossa contro l’attacco non provocato guidato dal presidente russo Vladimir Putin potrebbe presentare una delle decisioni di moderazione più semplici che Facebook ha dovuto affrontare. Secondo Ari Lightman, professore di media digitali alla Carnegie Mellon ed esperto di social media, ci sono state più prese di posizione su argomenti come la pandemia, con molti conservatori che hanno criticato la malattia e le relative misure di sicurezza come sopravvalutate e al servizio di un’agenda liberale. Questo sembra molto diverso. Lightman ha detto che la guerra della Russia è in bianco e nero, motivo per cui non vedremo tante grida di censura. La Russia ha condotto una campagna per far credere all’Ucraina che sarà lei a vincere la guerra. I media russi sostenuti dallo stato hanno pubblicato storie su Facebook e altri siti che erano false. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha chiesto a Facebook di limitare gli account dei punti vendita nel suo paese e la società è intervenuta controllando i post.