Il riferimento al muro di Berlino e al ponte aereo alleato è stato fatto alla Camera dei Comuni del Bundestag. L’appello a ricordare passaggi drammatici della storia recente dei rispettivi paesi è emerso come tratto comune delle orazioni di Volodymyr Zelensky. Il caso israeliano si è in parte ritorto contro il presidente-attore, accusato dal governo di Tel Aviv di essersi spinto troppo oltre con le somiglianze, a causa di uno strumento retorico molto efficace nell’aiutare a identificarsi. Zelensky ha infatti tracciato un parallelo tra il 24 febbraio 2022 (data dell’invasione russa) e lo stesso giorno del 1920, quando «è stato fondato il Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori, partito che ha tolto milioni di vite, distrutto interi paesi, processato uccidere le nazioni”. Ha detto che l’invasione russa dell’Ucraina non è solo un’operazione militare. La soluzione finale, ma riferita anche a noi, è stata ascoltata a Mosca. La mattina del 7 dicembre 1941, ricorda Pearl Harbor, quando il tuo cielo era oscurato dagli aerei che ti attaccavano. È stata una brutta giornata nel 2001 quando è stato fatto un tentativo di trasformare le tue città in campi di battaglia. Al centro dell’Europa, tra libertà e schiavitù. Non sei stato ucciso dal cielo come lo siamo noi adesso. Di fronte alla Camera dei Comuni a Londra, Zelensky citò uno dei discorsi politici più potenti di tutti i tempi, un discorso che fu pronunciato nella stessa località il 4 giugno 1940. Non vogliamo perdere il nostro Paese, così come tu non volevi perdere il tuo Paese quando i nazisti lo attaccarono. Sono in molti a pensare che il capo dello Stato ucraino citerà la Resistenza partigiana contro l’occupazione nazista nel suo discorso al parlamento italiano. Zelensky non conosce distinzioni e tentativi di revisionismo che sono all’ordine del giorno nel dibattito pubblico. Zelensky ha confrontato i parlamentari con i momenti più delicati nei loro paesi nell’articolo dell’11 settembre al Muro di Berlino.