Charles Leclerc è il leader della squadra e li condurrà all’85° doppietta in Formula 1. Carlos ha sette podi in Formula 1 con la Scuderia, il quinto al secondo posto. La gara è stata quasi perfetta per Leclerc, che ha respinto diversi attacchi di Verstappen dopo il primo pit stop, tra i giri 16 e 19. Gli ingegneri e i meccanici hanno giocato un ruolo importante nella vittoria. Il monegasco ha avuto un’ottima capacità di partenza, quindi il team ha deciso di schierarsi con le gomme Soft. Ha spinto forte con la F1-75 nel primo stint. I meccanici hanno prodotto un’ottima prestazione in entrambi i pit stop, in particolare il secondo di Leclerc, che gli ha permesso di staccare preziosi decimi di secondo su Verstappen per metterlo fuori portata di un secondo tentativo di undercut. Quando la Safety Car è uscita al 45° giro dopo che Pierre Gasly si è fermato in pista, il team ha deciso di cambiare le gomme di Charles in modo che non venisse attaccato da Verstappen. Alla ripartenza Carlos, che non si era sentito completamente a suo agio in macchina per tutto il weekend, è comunque riuscito a sorpassare l’olandese in pista prima del suo ritiro. Sapevamo di essere in una posizione migliore rispetto agli ultimi due anni, ma non sapevamo a che punto eravamo. È fantastico essere di nuovo al top con un’auto. Un enorme grazie a tutto il nostro team, hai fatto un lavoro straordinario e questa vittoria è per te. Mi sentivo in controllo della gara ogni volta che avevo un piccolo margine dietro di me. Ogni volta che Max mi superava, dovevo posizionarmi nel modo giusto per recuperare la mia posizione. Abbiamo dovuto ricominciare da zero dopo l’uscita della Safety Car. Sono felice di aver portato a termine il lavoro perché sapevo di dover fare il miglior riavvio che potevo. Il secondo posto per il nostro team è stato merito della pole e del giro più veloce. Hanno lavorato molto negli ultimi due anni e iniziare la stagione con un 1-2 è una buona ricompensa. Sono molto contento del risultato, ma non sono molto contento della mia gara. Oggi è il giorno per celebrare questo straordinario risultato. Lo sforzo per riportare la Ferrari al top ha dato i suoi frutti e tutti meritano di goderselo. La gara di oggi mostra quanto bene abbia lavorato questa squadra negli ultimi due anni a Maranello, perché sono molto contento di questo risultato. Per vincere in Formula 1 bisogna fare tutto alla perfezione e oggi ce l’abbiamo fatta e questo vale per tutti, i piloti, la F1-75, gli ingegneri con la strategia ei meccanici, che ai pit stop sono stati impeccabili. Il modo in cui la squadra ha sfruttato al meglio ogni opportunità mi riempie di orgoglio. Volevo salire sul podio per ritirare il trofeo perché sentivo che era il modo migliore per rappresentare l’intera squadra. Penso ai tifosi che ci hanno sempre sostenuto, anche quando le cose erano un po’ complicate, e non vedo l’ora di correre davanti a loro.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.