Un giudice ha stabilito che un ex impiegato della contea del Kentucky ha violato i diritti costituzionali di due coppie gay. Kim Davis ha rifiutato di rilasciare licenze di matrimonio a due coppie gay nel 2015, dicendo che stava sostenendo la parola di Dio. Si è scoperto che Kim Davis aveva violato i diritti di due coppie gay quando si era rifiutata di sposarle. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che le coppie dello stesso sesso hanno il diritto di sposarsi nello stesso anno in cui Kim Davis è andata in prigione per essersi rifiutata di rilasciare licenze di matrimonio alle coppie dello stesso sesso. Ha detto che stava tenendo la parola di Dio. Il giudice del distretto orientale del Kentucky ha affermato nella sentenza di venerdì che Davis ha violato il diritto costituzionale al matrimonio. Ha rifiutato di sposare David Ermold e David Moore e Will Smith e James Yates. Nonostante il fatto che la Davis avesse capito la decisione di Obergefell, ha comunque detto ai suoi dipendenti di non rilasciare licenze di matrimonio. La sentenza diceva che la Davis aveva detto ai querelanti di Ermold che non poteva dare loro una licenza di matrimonio. Smith e Yates hanno richiesto licenze di matrimonio quattro volte, mentre Ermold e Moore hanno chiesto licenze di matrimonio altre due volte. A due gruppi di persone sono state concesse licenze di matrimonio da un vice impiegato mentre Davis era in prigione, secondo i documenti del tribunale. Anche se Obergefell ha proibito agli stati di negare alle coppie dello stesso sesso il diritto di sposarsi, ha comunque rifiutato di rilasciare loro licenze di matrimonio. Nel 2015, Kim Davis, impiegato della contea di Rowan nel nord-est del Kentucky, ha smesso di rilasciare licenze di matrimonio dopo che la Corte Suprema ha annullato i divieti. La Davis ha perso la sua candidatura per la rielezione. David Ermold era una delle persone a cui Davis ha negato la licenza di matrimonio. Davis ha perso contro Caudill Jr. La corte d’appello ha stabilito che Davis potrebbe essere citato in giudizio per danni a titolo personale. La sentenza della Corte Suprema non si è applicata a lei perché ha smesso di rilasciare licenze di matrimonio per tutti, non solo per le coppie gay.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.