La Russia è un importante fornitore di materie prime. Un gruppo di commercianti di energia ha chiesto alle banche centrali contanti di emergenza. La Federazione europea dei commercianti di energia ha affermato in una lettera che la situazione è peggiorata. I commercianti di energia europei hanno un disperato bisogno di contanti. Secondo una lettera dell’8 marzo, la Federazione europea dei commercianti di energia ha presentato una petizione alle banche centrali per la liquidità “di emergenza” per mantenere il funzionamento dei mercati del gas e dell’energia elettrica che sono stati sconvolti dall’attacco russo all’Ucraina e dalle successive sanzioni occidentali. Il gruppo, che comprende giganti dell’energia come BP, Shell ed ExxonMobil, ha affermato che la recente crisi ha notevolmente peggiorato i problemi nel mercato delle materie prime. L’obiettivo è mantenere un mercato energetico ordinato e consentire ai fornitori di energia di coprire le proprie posizioni, anche se l’attività di copertura è diminuita in mezzo al caos, secondo Peter Styles, vicepresidente esecutivo del consiglio di amministrazione di EFET. Il mese scorso la Russia ha lanciato un attacco su vasta scala all’Ucraina, che ha causato increspature nel mercato. Questa settimana, il petrolio è sceso sotto i 100 dollari al barile con il progredire dei colloqui di pace tra Russia e Ucraina e con il peggioramento delle prospettive della domanda a causa dell’aumento dei casi di coronavirus in Cina.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.